In un video circolato sui social network si vede Margaret Atwood che imbraccia un lanciafiamme e prova a bruciare una copia del suo romanzo Il racconto dell’ancella. Ma il volume, stampato con materiali ignifughi, rimane intatto. Penguin Random House, la casa editrice statunitense della scrittrice canadese, ha realizzato un’edizione limitata del libro in materiale ignifugo e le copie sono state messe all’asta da Sotheby’s all’inizio di giugno. L’asta ha fruttato circa 130mila dollari, andati poi in beneficenza a Pen America. In un rapporto recente questa organizzazione no profit, che si occupa di difendere la libertà d’espressione, ha denunciato la messa al bando di più di 1.500 libri dalle scuole degli Stati Uniti (con il Texas in testa alla classifica degli stati più liberticidi). Suzanne Nossel, presidente di Pen America, ha definito la copia ignifuga e indistruttibile del romanzo di Atwood “il simbolo della nostra determinazione a proteggere i libri, le storie e le idee da tutti coloro che li temono e cercano di at­taccarli”.
Les Inrockuptibles

Questo articolo è uscito sul numero 1465 di Internazionale, a pagina 86. Compra questo numero | Abbonati