Il 28 ottobre è la data imposta dalla giudice Kathleen McCormick a Elon Musk per recuperare i fondi necessari e comprare Twitter, rispettando il primo accordo, firmato ad aprile. Musk aveva offerto 44 miliardi di dollari, poi si era tirato indietro e infine ha confermato la scelta. Con la decisione del tribunale ha quindi guadagnato altri giorni preziosi per sistemare i conti. Altrimenti si andrà a processo a novembre, come richiesto da Twitter. Gli avvocati di Musk rassicurano: “I finanziatori hanno indicato di essere pronti a onorare i loro impegni”. Non resta che aspettare la fine di ottobre per scoprire cosa succederà. Una cosa è certa: dopo i tanti ribassi e rialzi, non saranno settimane semplici per le azioni di Twitter. 
Gaia Berruto

Questo articolo è uscito sul numero 1482 di Internazionale, a pagina 86. Compra questo numero | Abbonati