Proteste in Mauritania dopo la condanna degli attivisti contro la schiavitù

16 gennaio 2015 11:06

Un gruppo di manifestanti si è scontrato con la polizia in Mauritania, dopo che tre attivisti del movimento contro la schiavitù sono stati condannati a due anni di carcere. Gli agenti hanno usato gas lacrimogeno per disperdere la folla e almeno quattro persone sono state ferite.

Biram Ould Dah Ould Abeid, presidente dell’Iniziativa per la rinascita del movimento abolizionista (Ira) e candidato alle elezioni presidenziali del giugno 2015, Brahim Bilam Ramdhane, vicepresidente del gruppo, e Djiby Sow, attivista per i diritti civili e culturali, erano stati arrestati a novembre nella città meridionale di Rosso, per avere organizzato un incontro non autorizzato.

La Mauritania è stato l’ultimo paese al mondo ad abolire la schiavitù nel 1981 e nel 2007 la pratica è stata definita ufficialmente un crimine punibile con pene fino a dieci anni di carcere. Ma secondo gli attivisti il governo non ha preso iniziative per contrastare la schiavitù. Al Jazeera, Amnesty international

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Tutto quello che c’è da sapere sulle elezioni europee
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.