Mauritania

Mauritania

Capitale
Nouakchott
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Ouguiya mauritana
Superficie
Contro i jihadisti in Africa nasce il gruppo dei cinque

Sostenuti dall’Unione europea e dall’Onu, i paesi del Sahel cominciano a coordinare i loro eserciti in una piattaforma comune antijihadista. Leggi

La Mauritania libera due attivisti contro lo schiavitù.
La Mauritania libera due attivisti contro lo schiavitù. Il 17 maggio la corte suprema mauritana ha ordinato la scarcerazione immediata di Biram Dah Abeid e Brahim Ould Ramdane, due noti militanti abolizionisti. Nel gennaio del 2014 erano stati condannati a due anni di carcere duro per appartenenza a un’organizzazione non riconosciuta e ribellione contro la forza pubblica. La corte ha riconosciuto che la pena inflitta era troppo severa.
pubblicità
La lotta contro la schiavitù in Mauritania non è ancora finita

Quando l’attivista mauritana Mariem Mint Cheikh Dieng è arrivata in missione in Europa, alla fine di giugno del 2015, il suo compagno nella lotta contro la schiavitù Biram Dah Abeid era in carcere già da quasi otto mesi. Biram e Mariem fanno parte nell’Iniziativa per la rinascita del movimento abolizionista fondata nel 2008 contro una pratica illegale ma ancora diffusa in Mauritania. Leggi

In Mauritania gli ex schiavi chiedono diritti e giustizia

La Mauritania è stata l’ultima nazione al mondo ad abolire la schiavitù, nel 1981. Ma gli haratin, i discendenti degli schiavi, sono ancora marginalizzati e discriminati. E sono scesi in piazza per chiedere diritti e giustizia.  Leggi

Proteste in Mauritania dopo la condanna degli attivisti contro la schiavitù

Un gruppo di manifestanti si è scontrato con la polizia in Mauritania, dopo che tre attivisti del movimento contro la schiavitù sono stati condannati a due anni di carcere. Gli agenti hanno usato gas lacrimogeno per disperdere la folla e almeno quattro persone sono state ferite.

Biram Ould Dah Ould Abeid, presidente dell’Iniziativa per la rinascita del movimento abolizionista (Ira) e candidato alle elezioni presidenziali del giugno 2015, Brahim Bilam Ramdhane, vicepresidente del gruppo, e Djiby Sow, attivista per i diritti civili e culturali, erano stati arrestati a novembre nella città meridionale di Rosso, per avere organizzato un incontro non autorizzato.

La Mauritania è stato l’ultimo paese al mondo ad abolire la schiavitù nel 1981 e nel 2007 la pratica è stata definita ufficialmente un crimine punibile con pene fino a dieci anni di carcere. Ma secondo gli attivisti il governo non ha preso iniziative per contrastare la schiavitù. Al Jazeera, Amnesty international

pubblicità
Appello per annullare la condanna a morte di un blogger in Mauritania

L’organizzazione internazionale Reporters sans frontières ha lanciato un appello per l’annullamento della condanna a morte di un giovane blogger mauritano accusato di apostasia.

Mohamed Cheikh Ould Mohamed, 29 anni, in carcere dal 2 gennaio, è stato giudicato colpevole per aver scritto un testo considerato blasfemo sul profeta Mohamed. La difesa aveva chiesto “un’interpretazione meno rigorosa della legge, dal momento che il codice penale prevede delle attenuanti in caso di pentimento”. Afp

La prima condanna a morte per apostasia della Mauritania

Un giovane mauritano è stato condannato a morte per apostasia da un tribunale di Nouadhibou, nel nordest del paese. Mohamed Cheikh Ould Mohamed, in un articolo pubblicato su internet, aveva criticato il profeta Maometto. Inutili le scuse presentate dall’uomo durante il processo. Si tratta della prima condanna a morte per apostasia della storia della Mauritania. Afp

L’odissea delle piroghe africane

Un gigante d’ebano. È l’immagine allo stesso tempo fisica e mentale del capitano del film africano La pirogue, visto a Cannes. Leggi