26 gennaio 2015 11:47

È stato raggiunto un accordo tra Syriza e i Greci indipendenti per formare un nuovo governo.

Syriza è un partito di sinistra radicale e ha condotto la sua campagna elettorale concentrandosi sull’opposizione alle misure di austerità imposte dall’Unione europea. Syriza è l’acronimo di Synaspismós Rizospastikís Aristerás (Coalizione della sinistra radicale). Il partito nasce nel 2004 come coalizione di diverse formazioni della sinistra greca, tra cui ecologisti, comunisti e sinistra democratica. La campagna elettorale di Syriza si è concentrata sulla promessa della fine delle misure di austerità e di nuovi fondi per la spesa pubblica. Tra le proposte fatte: energia elettrica gratuita per i più poveri, buoni pasto distribuiti nelle scuole e case per i senzatetto.

I Greci indipendenti sono un piccolo partito conservatore, formato nel 2012 dopo una scissione del partito di Antonis Samaras, Nea Demokratia. Entrambi i partiti vogliono rinegoziare il piano di salvataggio imposto al paese dall’Unione europea e dal Fondo monetario internazionale. Ma i due partiti hanno grandi differenze politiche su temi come l’immigrazione e la spesa pubblica.