Nel 2014 in Italia si sono persi ottocentomila lettori

09 febbraio 2015 15:09

Nel 2014 la percentuale dei lettori di libri (di più di sei anni) in Italia è scesa ancora, dal 43 per cento al 41,4 per cento, registrando quindi una perdita di circa 820mila persone. I dati sono stati diffusi dall’Associazione italiana editori (Aie) e realizzati su dati Istat.

Nel 2014 hanno letto di più le donne, il 48 per cento, rispetto agli uomini, il 34,5 per cento. I lettori più assidui sono stati i giovani: ragazze e ragazzi tra gli 11 e i 14 anni hanno letto almeno un libro all’anno. Sono diminuiti del 6,6 per cento i lettori cosiddetti deboli, che leggono tra uno e tre libri all’anno.

Al livello geografico, il nord ha letto più del sud anche se nel 2014 sono stati registrati cali soprattutto nel nordest (-4,2 per cento) e nel nordovest (-3,6 per cento). “Quasi il 60 per cento degli italiani non legge neanche un libro all’anno”, ha commentato il presidente dell’Aie, Marco Polillo. Adnkronos

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Baghdad chiede indietro i suoi tesori archeologici
Zuhair al Jezairy
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.