Uccisi nove jihadisti del gruppo accusato di aver organizzato l’attacco al museo di Tunisi

Secondo il ministero dell’interno, i nove uomini armati farebbero parte della brigata Ukba ibn Nafaa, il ramo tunisino di Al Qaeda nel Maghreb islamico

Arrestate 23 persone sospettate di complicità nell’attentato di Tunisi

26 marzo 2015 12:09

Il ministro dell’interno della Tunisia, Najem Gharsalli, ha annunciato che sono state arrestate ventitré persone sospettate di complicità con i responsabili dell’attacco al museo del Bardo di Tunisi del 18 marzo, in cui sono morte 21 persone. Secondo Gharsalli, i ventitré arrestati, tutti tunisini, tra cui una donna, facevano parte di una cellula terroristica. Altre quattro persone sarebbero invece riuscite a fuggire.

Il ministro ha indicato che l’operazione terroristica è stata diretta da Lokmane Abou Sakhr, un capo jihadista di nazionalità algerina considerato uno dei leader di
Ukba ibn Nafaa, il gruppo jihadista affiliato ad Al Qaeda contro cui l’esercito tunisino ha lanciato un’offensiva due anni fa nelle montagne al confine con l’Algeria. Afp

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La macchina del consenso di Erdoğan
Annalisa Camilli
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.