Il naufragio nel canale di Sicilia è stato provocato da una collisione

Un peschereccio si è ribaltato nella notte tra il 18 e il 19 aprile al largo delle coste libiche, con almeno 800 persone a bordo. Sono stati soccorsi solo 28 superstiti. Arrestati il capitano della nave e il suo assistente accusati del naufragio

Almeno duecento senegalesi coinvolti nel naufragio al largo delle coste libiche

30 aprile 2015 15:57

Secondo fonti ufficiali del governo senegalese c’erano almeno duecento cittadini del Senegal tra le vittime del naufragio avvenuto tra il 18 e il 19 aprile al largo delle coste libiche, in cui sono morte almeno 750 persone.

Per il ministro dei senegalesi all’estero, Sorry Kaba, i “paesi africani devono lavorare insieme, non solo per approvare misure di emergenza, ma per pianificare politiche di lungo periodo”. Dopo il naufragio, in un vertice straordinario, i leader europei hanno deciso di triplicare i finanziamenti alla missione di sorveglianza e salvataggio Triton, senza modificarne il mandato: le navi di pattuglia continueranno a rispondere alle chiamate di soccorso dove necessario.

Secondo le Nazioni Unite tra le vittime c’erano anche 350 eritrei e il resto dei passeggeri era originario di Siria, Somalia, Sierra Leone, Mali, Gambia, Costa d’Avorio ed Etiopia.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La trappola del tempo
Claudio Rossi Marcelli
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.