In Iraq è morto Tareq Aziz, l’ex vicepremier cristiano di Saddam

Nel 2003 era stato arrestato dopo l’invasione delle truppe anglostatunitensi e la caduta del dittatore iracheno. Nel 2010 fu condannato a morte per crimini contro l’umanità, ma Aziz non era stato giustiziato perché l’allora presidente Jalal Talabani non firmò l’ordine di esecuzione

È morto Tareq Aziz, ex ministro degli esteri dell’Iraq di Saddam Hussein

05 giugno 2015 17:38

Tareq Aziz, ex ministro degli esteri nell’Iraq di Saddam Hussein, è morto in una prigione irachena, in seguito a un attacco di cuore. Aveva 79 anni ed era stato in carcere per diversi anni.

Tareq Aziz fu condannato a morte nel 2010, dopo essere stato giudicato colpevole di omicidio e crimini contro l’umanità per la repressione contro i partiti religiosi sciiti negli anni ottanta durante il governo di Saddam Hussein.

Cristiano in un governo a maggioranza sunnita, fu nominato ministro degli esteri nel 1983 e vice primo ministro nel 1991. Non è mai stato considerato uno dei collaboratori più stretti di Saddam, ma ha avuto un importante ruolo diplomatico, soprattutto durante la prima guerra del Golfo.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Come funziona la Corte di giustizia
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.