Atene e Bruxelles sempre più lontane

È fallita l’ultima tornata di negoziati tra la Grecia e i suoi creditori (Commissione europea, Banca centrale europea e Fondo monetario internazionale). Per evitare il default, Atene deve restituire 1,6 miliardi al Fondo entro il 30 giugno. Il mercato europeo è spaventato dall’incertezza e la borsa di Atene chiude con forti perdite

Confermato l’incontro di Tsipras con Merkel e Hollande a Bruxelles

10 giugno 2015 19:43

Un portavoce del governo tedesco ha confermato l’incontro del premier greco Alexis Tsipras con la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese François Hollande, per fare il punto sui negoziati tra Atene e i suoi creditori internazionali. La riunione era stata messa in dubbio, dopo l’accoglienza negativa da parte della commissione europea sull’ultima proposta di accordo avanzata dai greci.

“Confermo che ci sarà un incontro dopo cena”, alla fine del vertice sull’America latina, ha indicato il portavoce tedesco. Sarà l’occasione di fare “un punto della situazione” ha confermato un’altra fonte francese. Sempre a margine del summit internazionale di Bruxelles, Tsipras ha incontrato oggi il presidente della commissione europea Jean-Claude Juncker. E secondo fonti elleniche ci sarà un altro faccia a faccia domani.

I giornalisti presenti alle riunioni hanno potuto constatare che Juncker ha accolto Tsipras sorridente, con un abbraccio caloroso. Un clima ben lontano da quello che si respirava ieri, quando fonti europee avvertivano che la Grecia stava per giocarsi “il suo ultimo alleato: la Commissione”. Il commissario europeo agli Affari economici, Pierre Moscovici, che a sua volta aveva manifestato contrarietà alle ultime proposte greche si è, da parte sua, detto convinto “come non mai” che una intesa si possa raggiungere. “I prossimi giorni saranno decisivi” ha commentato.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il populista Nigel Farage approfitta della crisi politica britannica
Pierre Haski
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.