Quinto giorno a Ventimiglia per i migranti, il papa chiede perdono per chi chiude la porta 

Circa cento migranti hanno passato un’altra notte sulla scogliera di Ponte san Ludovico e si preparano al quinto giorno di proteste alla frontiera bloccata dalle autorità francesi. Intanto il papa è intervenuto sul tema dell’immigrazione, chiedendo di pregare per le persone e le istituzioni che chiudono la porta a questa gente che cerca aiuto

Circa 1.300 migranti hanno dormito nelle strutture concesse dal comune di Milano

15 giugno 2015 12:32

Sono circa 1.300 i migranti che la notte scorsa hanno dormito nelle strutture messe a disposizione dal comune di Milano. Ieri sera, ha aggiunto l’amministrazione, alla chiusura del centro d’accoglienza temporaneo alla Galleria delle carrozze, che si trova all’esterno della stazione centrale, sono state registrate 464 persone, di cui 141 famiglie con minori (siriane, eritree ed etiopi) e 322 tra siriani, eritrei, etiopi e di altre nazionalità.

Le nove strutture in cui sono stati accolti i migranti sono quelle di via Corelli (ex Cie), via Salerio (Coperativa farsi prossimo - Caritas ambrosiana), via Aldini e via Mabretti (Fondazione progetto arca), via Betti e via Saponaro (Fratelli di San Francesco), via Martinelli e via Pollini (City Angels), via Brambilla (Casa della carità) e Bresso (Croce rossa).

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

I numeri dell’hotel Capital
Olga Tokariuk
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.