18 giugno 2015 17:07

Le migrazioni forzate provocate da guerre, conflitti e persecuzioni hanno raggiunto i massimi livelli nella storia dell’umanità, secondo l’ultimo rapporto annuale dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr). L’indagine parla di 59,5 milioni di profughi alla fine del 2014, rispetto ai 37,5 milioni di dieci anni fa. Più della metà sono bambini.

Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.

A provocare l’esodo di decine di migliaia di persone sono soprattutto i conflitti. Negli ultimi cinque anni, sono scoppiati o si sono riattivati almeno 15 conflitti: otto in Africa (Costa d’Avorio, Repubblica Centrafricana, Libia, Mali, nordest della Nigeria, Repubblica Democratica del Congo, Sud Sudan e quest’anno Burundi); tre in Medio Oriente (Siria, Iraq e Yemen); uno in Europa (Ucraina) e tre in Asia (Kirghizistan, e diverse aree della Birmania e del Pakistan). Solo poche di queste crisi possono dirsi risolte e la maggior parte di esse continua a generare nuovi esodi forzati.

Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.

Ogni giorno più di 42mila persone sono costrette a lasciare il loro paese, nel 2010 erano quasi 11mila.

Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.