L’esercito siriano riconquista posizioni ad Al Hasaka

I peshmerga dell’Unità di protezione del popolo (Ypg) hanno respinto il gruppo Stato islamico anche a Kobane, al confine con la Turchia, dove l’osservatorio siriano per i diritti umani ha denunciato l’uccisione di almeno 164 civili usati come scudi umani

I jihadisti dello Stato islamico rientrano a Kobane, in Siria

25 giugno 2015 08:12

Il gruppo Stato islamico ha attaccato la città siriana di Kobane, al confine con la Turchia, liberata a gennaio dalle milizie curde. L’attacco è cominciato nella notte con l’esplosione di un’autobomba vicino al valico di frontiera con il territorio turco. I combattimenti sono in corso e ci sono numerose vittime, ma il bilancio non è ancora chiaro. La città, diventata il simbolo della resistenza contro l’avanzata dei jihadisti in Siria, è stata nelle mani del gruppo Stato islamico per quattro mesi ed è stata riconquistata dalle milizie curde sostenute dalla coalizione guidata dagli Stati Uniti.

I jihadisti hanno attaccato anche la città di Al Hasaka, nel nordest della Siria. Non è ancora chiaro se l’attacco sia stato respinto o se i jihadisti siano riusciti a occupare alcune zone. La città è divisa in zone controllate dal governo di Damasco e da un’amministrazione curda. Nelle ultime settimane le milizie curde Unità di protezione del popolo (Ypg), sostenute da altri gruppi ribelli e dalla coalizione internazionale, hanno ottenuto importanti vittorie nella provincia di Raqqa, nel nord della Siria.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il populista Nigel Farage approfitta della crisi politica britannica
Pierre Haski
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.