26 giugno 2015 16:31
Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.

Un attentatore suicida ha fatto esplodere una base della missione dell’Unione africana (Amisom), in Somalia. È seguito da un assalto da parte di decine combattenti di Al Shabaab, armati di mitragliatrici e lanciagranate. Le vittime sarebbero decine, ma non ci sono ancora numeri ufficiali. Secondo Al Shabaab sarebbero almeno 30.

La base, che si trova nel villaggio Lego, circa 130 chilometri a sud di Mogadiscio, è gestita da soldati del Burundi del contingente di ventiduemila uomini di Amisom, di cui fanno parte anche Kenya e Uganda. I combattimenti tra i soldati della base e i jihadisti sono andati avanti per ore. Questo attentato è solo l’ultimo di una serie di attacchi lanciati dai jihadisti somali dall’inizio del Ramadan.