Alexis Tsipras si dimetterà se dovesse vincere il sì al referendum

Il parlamento greco ha convocato un referendum sul piano di salvataggio proposto dai creditori internazionali per domenica 5 luglio. Entro la mezzanotte del 30 giugno Atene avrebbe dovuto ripagare il prestito da 1,6 miliardi di euro al Fondo monetario internazionale

Le borse europee aprono in calo

30 giugno 2015 09:39

Dopo il crollo di ieri le borse europee hanno aperto in leggero calo. Pesano le preoccupazioni degli investitori per la crisi in Grecia, dove il primo ministro Alexis Tsipras ha chiesto di votare no al referendum che si terrà il 5 luglio. I leader di Italia, Francia e Germania hanno detto che il referendum è una consultazione sull’adesione della Grecia alla zona euro, mentre il governo di Tsipras ha ribadito che la Grecia non intende lasciare il tavolo delle trattative con i creditori e uscire dall’eurozona.

  • La borsa di Milano perde lo 0,39 per cento in apertura
  • La borsa di Parigi ha aperto in calo dello 0,42 per cento
  • La borsa di Francoforte ha aperto in leggero calo dello 0,23 per cento
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Dall’altra parte del mare, cosa spinge i tunisini a partire
Annalisa Camilli
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.