Il partito del presidente Nkurunziza ha vinto senza sorprese le elezioni politiche in Burundi

La comunità dell’Africa orientale chiede al Burundi il rinvio delle presidenziali

06 luglio 2015 17:35

I leader dei paesi della Comunità dell’Africa orientale (Eac) hanno chiesto di nuovo al governo del Burundi di rinviare le elezioni presidenziali fissate per il 15 luglio. Durante un incontro organizzato a Dar es Salaam, la più grande città della Tanzania, i paesi dell’Eac (Burundi, Ruanda, Tanzania, Kenya e Uganda) hanno nominato il presidente ugandese Yoweri Museveni mediatore nella crisi politica in Burundi, scoppiata alla fine di aprile in seguito alla decisione del presidente Pierre Nkurunziza di candidarsi a un terzo mandato.

Il segretario generale dell’organizzazione regionale, Richard Sezibera, ha chiesto il rinvio delle elezioni al 30 luglio per dare il tempo al mediatore di condurre i negoziati. Il 29 giugno, in un clima teso e violento si sono svolte le elezioni legislative e amministrative, che sono state definite dalle Nazioni Unite non libere né credibili.

Intanto il generale Leonard Ngendakumana, vice di Godefroid Niyombare, che a maggio ha tentato un colpo di stato contro Nkurunziza, ha minacciato di dare avvio a un’insurrezione armata se il presidente non rinuncerà alla sua candidatura. Ngendakumana ha accusato Nkurunziza di voler trascinare il paese in una guerra civile.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il rap di Slowthai e la rivincita della provincia
Giovanni Ansaldo
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.