Il Kuwait impone il test del dna a tutta la popolazione

16 luglio 2015 12:33

Il parlamento del Kuwait, su richiesta del governo, ha approvato una legge contro il terrorismo, che impone a tutti i cittadini e agli stranieri che abitano nel paese di sottoporsi a un test del dna per istituire una banca dati nazionale. L’obiettivo della legge è facilitare il lavoro degli inquirenti e della polizia e rendere gli arresti più facili. È stato creato anche un fondo di emergenza di 363 milioni di euro per finanziare il dispositivo. La legge prevede un anno di carcere e una multa fino a 272mila euro per chi rifiuterà di sottomettersi al test.

La misura è stata adottata dopo l’attentato suicida del 26 giugno contro una chiesa sciita, rivendicato dal gruppo Stato islamico, che ha causato 26 morti e 277 feriti. È la prima volta che un paese rende obbligatoria una misura di questo genere per tutti i suoi cittadini.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

L’identità non esiste ma il potere la usa
Paul B. Preciado
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.