Incontro a Riyadh tra il re saudita e i vertici di Hamas

17 luglio 2015 09:54
Il leader di Hamas Khaled Meshaal durante un’intervista a Doha, il 16 ottobre 2014.

Il capo di Hamas Khaled Meshaal e altri dirigenti del movimento palestinese hanno incontrato a Riyadh il re saudita Salman e i suoi dignitari. È stato il primo incontro ad alto livello tra la monarchia wahabita ed esponenti di Hamas negli ultimi tre anni, hanno riferito fonti palestinesi. “La delegazioni hanno discusso dell’unità palestinese e della situazione politica nella regione. La speranza è che la riunione contribuisca a sviluppare i rapporti tra Hamas e l’Arabia Saudita” hanno aggiunto le stesse fonti.

Nella delegazione di Hamas c’erano esponenti di spicco della dirigenza in esilio, come Moussa Abu Marzouk e Saleh al Aarori, che Israele ritiene responsabile dell’infrastruttura militare del movimento in Cisgiordania. La missione di Hamas in Arabia Saudita è avvenuta pochi giorni dopo l’accordo sul nucleare che è stato sottoscritto tra la comunità internazionale e l’Iran, considerato il principale avversario dell’Arabia saudita nella regione e, al tempo stesso, sponsor del movimento palestinese.

Di recente c’è stato un allontanamento tra Teheran e Hamas a causa del rifiuto palestinese di sostenere il presidente siriano Bashar al Assad, alleato fondamentale dell’Iran. Meshaal è invece uno strenuo sostenitore dell’Arabia Saudita e Hamas ha espresso ufficialmente il suo appoggio all’offensiva militare guidata da Riyadh contro le milizie sciite houthi nello Yemen.

pubblicità

Articolo successivo

Perché in Niger ci sono militari da tutto il mondo
Craig Bailie