Migliaia di migranti sperano di raggiungere il Regno Unito attraverso il tunnel sotto la Manica

Le misure d’emergenza del Regno Unito per limitare il flusso di migranti a Calais

31 luglio 2015 13:52
La polizia francese impedisce ai migranti di attraversare l’Eurotunnel a Coquelles. (Rob Stothard, Getty Images)

Il premier britannico David Cameron ha annunciato che il suo governo invierà cani addestrati e materiale da recinzione alla polizia francese per aiutarla a bloccare il flusso di migranti nel porto di Calais.

Il premier ha presieduto stamattina il comitato di emergenza del governo britannico (Cobra), dopo che per la quarta notte consecutiva la gendarmeria francese ha bloccato circa mille migranti che cercavano di attraversare di nascosto il tunnel della Manica. Cameron ha definito la situazione “inaccettabile” e ha annunciato che oggi parlerà con il presidente francese, François Hollande.

Circa tremila persone, provenienti da paesi come Siria ed Eritrea, sono accampate nel porto francese di Calais per cercare di entrare nel Regno Unito arrampicandosi sui camion e treni che imboccano l’Eurotunnel.

Stamattina la galleria, che unisce le due sponde del canale della Manica, è stata chiusa temporaneamente per un’ispezione dopo che altri migranti avevano cercato di entrare passando dal vicino comune di Coquelles.

La riunione del comitato Cobra è arrivata in seguito alle controverse dichiarazioni di Cameron, che ha descritto l’arrivo dei migranti a Calais come “uno sciame di persone che arrivano attraverso il Mediterraneo”. Le parole del primo ministro hanno sollevato molte polemiche.

Il ministro della difesa di Londra sta anche preparando un piano per contenere il flusso di migranti nel Kent, la contea britannica in cui arriva il tunnel. Le caserme saranno usate come parcheggi temporanei per i camion rimasti in fila lungo l’autostrada M20 a causa dei ritardi creati dai tentativi di incursione dei migranti.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il lungo sogno di De Chirico
Daniele Cassandro
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.