24 agosto 2015 18:03

Almeno due suicidi potrebbero essere collegati alla fuga di informazioni dal sito di incontri per persone sposate Ashley Madison. Lo ha riferito in una conferenza stampa la polizia di Toronto, pochi giorni dopo l’attacco informatico di un gruppo di hacker che ha pubblicato in rete indirizzi email, numeri di telefono e di carte di credito di quasi 37 milioni di persone registrate sul sito.

Nel frattempo, l’azienda canadese Avid Life Media (Alm), che è proprietaria del sito di incontri, ha offerto 500mila dollari canadesi (circa 330mila euro) a chi contribuirà a individuare gli hacker responsabili del furto di informazioni dei suoi utenti.