Una donna somala si è data fuoco nel centro di detenzione di Nauru

03 maggio 2016 10:13

Una donna somala si è data fuoco nel centro di detenzione di Nauru. È la seconda in pochi giorni ed è rimasta gravemente ferita. Nella stessa struttura, dove l’Australia rinchiude i migranti che cercano di arrivare nel suo territorio, c’era già stato un caso simile il 29 aprile, quando un iraniano è morto dopo essersi dato fuoco in segno di protesta durante la visita di alcuni funzionari dell’Onu.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

L’identità non esiste ma il potere la usa
Paul B. Preciado
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.