Un tribunale di Papua Nuova Guinea vieta le proteste degli studenti.

09 giugno 2016 10:28

Un tribunale di Papua Nuova Guinea vieta le proteste degli studenti. Dopo che la polizia ha sparato sugli studenti dell’Università di Papua Nuova Guinea che manifestavano contro la corruzione del primo ministro, una corte ha vietato le proteste e ha ordinato agli studenti di tornare a lezione. Il governo contesta il bilancio delle violenze degli scontri dell’8 giugno: secondo le prime notizie quattro giovani sarebbero rimasti uccisi, ma le autorità oggi parlano solo di 38 feriti.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

I conflitti storici dividono i sovranisti d’Europa
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.