L’Australia chiuderà il centro di detenzione per migranti in Papua Nuova Guinea.

17 agosto 2016 18:53

L’Australia chiuderà il centro di detenzione per migranti in Papua Nuova Guinea. Il governo australiano e quello papuano hanno trovato un accordo per interrompere le attività della struttura sull’isola di Manus, un centro di detenzione gestito da aziende private dove, secondo una commissione del governo australiano e diverse organizzazioni umanitarie, ci sarebbero stati maltrattamenti, stupri e violenze. Il 10 agosto il Guardian ha pubblicato un’inchiesta sugli abusi avvenuti in un altro centro di detenzione, quello di Nauru.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le tre crisi che stanno facendo esplodere il Camerun
Yuhniwo Ngenge
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.