Il coraggio dei musicisti del Mali

16 ottobre 2016 15:02

Nel Mali, in un territorio grande più o meno come Francia e Regno Unito messi insieme, i ribelli islamisti del nord nel 2012 hanno imposto la sharia e vietato la musica. Pochi paesi vantano una tradizione musicale pari a quella del Mali e il divieto ha significato un vero attentato all’identità della popolazione, al pari della distruzione dei mausolei di Timbuctù.

They will have to kill us first di Johanna Schwartz racconta e celebra il coraggio dei musicisti che si sono opposti continuando a imbracciare i loro strumenti. Il dvd esce solo negli Stati Uniti ma la sua trascinante colonna sonora sarà disponibile anche in Europa.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le elezioni commentate dalla stampa europea
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.