Documentari

Nei panni del sistema

Un progetto del quotidiano olandese Trouw invita i lettori diventare uno dei funzionari dell’immigrazione dei Paesi Bassi. Leggi

Esorcista all’italiana

Al cinema statunitense anni ottanta e ai suoi Ghostbusters, il documentario contemporaneo italiano risponde con Liberami. Leggi

pubblicità
Una partitella a Gaza

Sempre più di frequente il mondo del calcio si presta a racconti giornalistici che privilegiano protagonisti e scenari sulle prestazioni e i risultati. Leggi

National bird racconta la guerra fatta da lontano

Gran parte degli interventi militari statunitensi degli ultimi anni sono stati compiuti tramite droni comandati a distanza. Leggi

Dentro la nuova destra europea

In questa produzione originale in due puntate di Al Jazeera il filosofo croato Srećko Horvat cerca di capire il successo dei movimenti di estrema destra in un’Europa in crisi di identità, che a domande legittime sta dando le risposte sbagliate. Leggi

pubblicità
La storia del Cile in un bottone

La memoria dell’acqua, il più recente capolavoro del cileno Patricio Guzmán che, film dopo film, non si stanca di scandagliare la memoria del suo paese. Leggi

Storia di Daniel, cacciato di casa perché gay

Il giornalismo digitale immersivo, l’ultimo filone che sfrutta i dispositivi di realtà virtuale, sembra essere il nuovo terreno d’incontro tra startup tecnologiche, ong e grandi gruppi editoriali. Nonny de la Peña è la fondatrice di Emblematic, una delle aziende all’avanguardia nel settore. Leggi

La partita a scacchi di Magnus Carlsen

Per gli appassionati di scacchi c’è un solo Magnus: Magnus Carlsen, nato nel 1990 a Tønsberg in Norvegia, che a soli 13 anni si guadagnò il titolo di maestro e che lo scorso dicembre si è confermato campione del mondo battendo lo sfidante russo Sergej Karjakin. Leggi

Un marketing solidale con i profughi siriani

All’ombra del divieto d’ingresso ai cittadini di sette paesi musulmani voluto dall’amministrazione Trump, il marketing di certe aziende statunitensi va controcorrente. È il caso di Square, startup affermata nel campo delle applicazioni per punti vendita, che ha prodotto un breve documentario su Yassin Terou, rifugiato siriano fuggito nel 2011 dalla guerra e finito a Knoxville, in Tennessee. Leggi

L’oro di Napoli è multirazziale

Il documentario Loro di Napoli di Pierfrancesco Li Donni racconta la storia dell’Afro-Napoli United, squadra fondata nel capoluogo campano nel 2009. Leggi

pubblicità
Arte e rivoluzione, l’eredità delle avanguardie sovietiche

Revolution. New art for a new world è un documentario che racconta l’incredibile parabola dell’arte sovietica dal 1917 al 1953. Leggi

Liberi di correre

Fino a non molto tempo fa era considerata una stranezza, una provocazione, un’attività puritana ed elitaria. Non stiamo parlando di chissà quale vizio ma della corsa, riabilitata durante gli anni della contestazione e oggi passatempo di milioni di persone. Leggi

L’arte di coabitare

Il prossimo obiettivo della cosiddetta sharing economy sarà la casa e la designer Irene Pereyra affronta con questo web documentario la nostra attitudine alla condivisione degli spazi abitativi. Leggi

Nostalgia della luce esplora la storia del Cile

Il grande documentarista cileno Patricio Guzmán, dopo aver subìto l’esilio negli anni di Pinochet, ha trovato nei suoi ultimi lavori una chiave personalissima e potente per rielaborare l’oscura storia recente del suo paese, e per celebrare l’identità ferita ma orgogliosa del suo popolo. Leggi

Rap e impegno da Portorico

René Pérez Joglar, in arte Residente, nato nel 1978, è un rapper e scrittore portoricano, vincitore di 25 Grammy awards, più di quanti ne abbia vinti qualsiasi altro musicista latinoamericano. Ma non è tutto, perché è anche noto per il suo impegno sociale e per il ruolo di portavoce dell’Unicef e di Amnesty international. Leggi

pubblicità
Il coraggio di essere antagonista in Cina

È condivisibile una protesta contro la violenza sessuale su sei bambine da parte del preside di una scuola? Non nella provincia cinese dello Hainan, se l’accusato è un uomo potente del luogo e a capeggiare la contestazione è l’instancabile attivista Ye Haiyan. Leggi

La lunga attesa dei migranti

The wait raccoglie interviste a richiedenti asilo in cinque diverse città della Germania, per ascoltare le loro storie e immergerci in un quotidiano segnato dall’attesa. Leggi

E se domani

Secondo Cyril Dion, per anni alla guida di una ong e autore insieme a Mélanie Laurent del documentario Domani, siamo tutti sopraffatti dai proclami catastrofici sul futuro del pianeta e della civiltà, e abbiamo un gran bisogno di esempi positivi. Leggi

Un altro me spiega i legami tra maschilismo e violenza sulle donne

Un documentario italiano racconta un progetto di terapia per persone condannate per reati sessuali, affinché scontata la pena non ne commettano altri. Tra discussioni, attività, piccoli passi e rifiuti, i mesi trascorrono e le persone cercano di fare i conti con passato e futuro. Leggi

Nei meandri del web profondo

Dread Pirate Roberts era lo pseudonimo dell’amministratore del mercato nero online Silk Road, il sito dove si trovava in vendita ogni cosa proibita nel mondo reale e sull’internet che conosciamo. Secondo l’Fbi dietro quel profilo si nascondeva il ventinovenne Ross William Ulbricht, arrestato nel 2013. La teoria del documentario Deep web è però che quell’indagine abbia parecchi punti oscuri. Leggi

pubblicità