Catherine Cornet

È una giornalista e ricercatrice francese, specializzata in cultura e politica del Medio Oriente. Collabora con Internazionale e con numerose testate giornalistiche e televisive francesi. 

Bella ciao e la Casa di carta di Al Sisi

Al World youth forum di Sharm el Sheikh la canzone partigiana Bella ciao è stata cantata davanti al presidente Al Sisi e ai dignitari del regime. Si è trattato di un teatro dell’assurdo, di un delirio di onnipotenza o di estrema ignoranza? Leggi

Quando un abito ricamato è più politico della kefiah

Il concorso di Miss universo che si è tenuto in Israele ha amplificato la polemica sull’appropriazione culturale israeliana delle tradizioni palestinesi, creando un caso intorno al thobe, il vestito tipico della regione. Leggi

pubblicità
Joséphine Baker nel Panthéon francese

Il 30 novembre è stato installato nel Panthéon di Parigi il monumento funebre della prima diva e icona mondiale nera. Un atto fortemente simbolico nel quadro di una campagna presidenziale in cui cresce la deriva identitaria e razzista. Leggi

Con Olivier Dubois va in scena l’energia dei giovani egiziani

Con il suo spettacolo Itmahrag, il coreografo francese ha chiuso il Romaeuropa festival. Invitando il pubblico a unirsi a una festa al ritmo di mahraganat, un genere di musica elettronica egiziana, scaturito dalle proteste del 2011. Leggi

Perché il governo israeliano ha paura di sei ong palestinesi 

La decisione del ministro della difesa Benny Gantz di accusare sei organizzazioni per i diritti umani di collaborare con il terrorismo nasconde un timore nei confronti della giustizia internazionale. Leggi

pubblicità
Alaa Abdel Fattah è ancora in carcere, ma il suo pensiero è libero

Il libro di Alaa Abdel Fatah, uno dei più importanti pensatori della rivoluzione egiziana, esce mentre il suo autore è in prigione. Il testo rivela un pensiero democratico radicale e profondo. Leggi

Mohammed el Kurd e il nuovo modo di raccontare la Palestina

Insieme alla sua gemella, il giovane palestinese è il simbolo di un nuovo attivismo contro l’occupazione israeliana. A partire dal giardino di casa sua ha conquistato il pubblico al festival di Internazionale a Ferrara e in tutto il mondo. Leggi

Perché l’Europa non alza la voce con Israele

Mentre negli Stati Uniti la narrazione del conflitto tra israeliani e palestinesi comincia a cambiare, l’Unione europea continua a fossilizzarsi su posizioni che non corrispondono più alla realtà. Leggi

Le nuove voci palestinesi

Nell’ultimo decennio si era fatta strada l’idea che quello palestinese fosse un popolo vinto e rassegnato. Una nuova generazione tecnologica e impegnata ricorda invece il movimento statunitense Black lives matter. Leggi

Un nuovo tentativo di diffamare Giulio Regeni

Alla vigilia dell’apertura del processo sull’uccisione del ricercatore italiano è spuntato un video che ripropone tesi vicine al regime egiziano. Screditando Regeni, scagionando il Cairo e mettendo in pericolo la libertà accademica. Leggi

pubblicità
L’estremismo e l’apartheid che colpiscono i palestinesi

Il rapporto di Human rights watch che accusa Israele arriva dopo giorni di violenze e scontri provocati da estremisti ebrei a Gerusalemme e mostra che l’unico modo per ottenere la pace è l’applicazione del diritto. Leggi

La maledizione del faraone

Una grande parata organizzata al Cairo per spostare le mummie di ventidue faraoni in un nuovo museo è un modo per rilanciare il turismo in Egitto. Ma anche una dimostrazione di forza del regime di Al Sisi. Leggi

Perché il Marocco vuole legalizzare la cannabis per uso terapeutico

I conservatori insorgono, ma molti marocchini sottolineano gli aspetti positivi. La produzione, oggi illegale, è diffusa da decenni nel nord del paese e i coltivatori, spesso poveri, potrebbero beneficiarne. Leggi

Macron è finito nella trappola dell’estrema destra

Il governo accusa le università di far circolare idee vicine all’integralismo islamico. Ma secondo i ricercatori la politica strumentalizza temi identitari a fini elettorali. Leggi

La Palestina senza pace potrebbe ora ottenere un po’ di giustizia

La decisione della Corte penale internazionale di indagare nei territori occupati da Israele è l’ultima speranza per i palestinesi e un’occasione per il tribunale di dimostrare la sua indipendenza. Leggi

pubblicità
Un’accusa di incesto fa tremare le élite francesi

La pubblicazione del libro di Camille Kouchner che accusa il patrigno, il politologo Olivier Duhamel, di stupro e violenze sessuali sul suo fratello gemello ha avuto l’effetto di un terremoto. Leggi

Dieci film per rivivere le rivolte del Medio Oriente

Il cinema dei paesi arabi offre una ricca scelta di film che raccontano l’utopia delle rivoluzioni, riflettono sul potere delle immagini e permettono anche di sperare. Leggi

Dieci film per rivivere le rivoluzioni del Maghreb

Nel 2011 un’ondata di proteste ha stravolto la regione. Le immagini dell’epoca e le riflessioni dei registi raccontano un cambiamento lungo e profondo delle società arabe. Leggi

La battaglia di Mosul attraverso gli occhi degli iracheni

Mosul è il primo film statunitense girato interamente in arabo con protagonisti arabi. È il migliore film di guerra dell’anno e pochi giorni dopo la sua uscita ha ricevuto una risposta cinematografica da parte del gruppo Stato islamico. Leggi

L’Italia e l’Europa non possono più tacere sull’Egitto 

Le proteste per l’incarcerazione degli attivisti per i diritti umani egiziani hanno aiutato la loro liberazione. Ora bisogna affrontare i casi irrisolti di Giulio Regeni e Patrick Zaki. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.