In Cambogia la corte suprema conferma le condanne per due leader dei khmer rossi.

23 novembre 2016 16:52

In Cambogia la corte suprema conferma le condanne per due leader dei khmer rossi. A quarant’anni dal genocidio che è costato la vita a due milioni di cambogiani, il più alto tribunale del paese ha confermato le condanne all’ergastolo per Khieu Samphan, 85 anni, e Nuon Chea, 90 anni. I due erano rispettivamente il capo dello stato ai tempi del genocidio e il principale consigliere di Pol Pot. Nel 2014 erano stati riconosciuti colpevoli di crimini contro l’umanità dal Tribunale speciale per i khmer rossi.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Sfida di nervi tra gli Stati Uniti e l’Iran
Pierre Haski
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.