In Cambogia la corte suprema conferma le condanne per due leader dei khmer rossi.

23 novembre 2016 16:52

In Cambogia la corte suprema conferma le condanne per due leader dei khmer rossi. A quarant’anni dal genocidio che è costato la vita a due milioni di cambogiani, il più alto tribunale del paese ha confermato le condanne all’ergastolo per Khieu Samphan, 85 anni, e Nuon Chea, 90 anni. I due erano rispettivamente il capo dello stato ai tempi del genocidio e il principale consigliere di Pol Pot. Nel 2014 erano stati riconosciuti colpevoli di crimini contro l’umanità dal Tribunale speciale per i khmer rossi.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

L’identità non esiste ma il potere la usa
Paul B. Preciado
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.