Processo contro i Khmer rossi

23 novembre 2016 08:53
Fuori dell’aula del tribunale a Phnom Penh, in Cambogia, dove si è svolto il processo d’appello contro i due alti esponenti del movimento dei Khmer rossi, Nuon Chea e Khieu Samphan, accusati di genocidio. L’alta corte di giustizia cambogiana ha confermato la condanna all’ergastolo per i due leader del regime che tra il 1975 al 1979 ha causato la morte di almeno 1,8 milioni di persone.
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il populista Nigel Farage approfitta della crisi politica britannica
Pierre Haski
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.