23 dicembre 2016 14:27

Deutsche Bank e Credit Suisse hanno patteggiato il pagamento di una multa per la vendita di titoli tossici. La banca tedesca ha annunciato di aver negoziato un accordo da 7,2 miliardi di dollari con le autorità statunitensi a seguito di un’indagine sulla vendita di titoli legati ai mutui subprime, protagonisti della crisi economica del 2008. Credit Suisse ha concordato il pagamento di una multa da 5,2 miliardi. La somma, che necessita ancora di un’approvazione finale, è inferiore a quella originariamente richiesta dal dipartimento della giustizia lo scorso settembre, pari a 14 miliardi di dollari.