11 agosto 2020 13:24

Il presidente Vladimir Putin ha annunciato l’11 agosto che in Russia è stato registrato il “primo vaccino” contro il nuovo coronavirus, assicurando che è in grado di dare “un’immunità duratura”. Nelle scorse settimane alcuni scienziati avevano espresso preoccupazione per l’eccessiva rapidità nel processo di sviluppo e l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) aveva chiesto il rispetto di “linee guida e direttive chiare” in materia. Putin ha anche detto che il vaccino è stato testato su una delle sue due figlie, senza specificare quale.

  • Anche l’Indonesia ha cominciato l’11 agosto a testare un vaccino: è un prototipo cinese provato su 1.600 volontari nel laboratorio Sinovac biotech. Chiamato Coronavac, è uno dei pochi vaccini in fase III, l’ultima della sperimentazione clinica prima dell’approvazione. Questo vaccino è già in fase di sperimentazione su novemila volontari in Brasile, il secondo paese più colpito al mondo dalla pandemia, dopo gli Stati Uniti. L’Indonesia sta affrontando un aumento del numero di casi. Nel paese, dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono state contagiate più di 127mila persone e ne sono morte più di 5.700 per cause legate al virus.
  • A quasi cinque mesi dal giorno in cui l’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato una pandemia globale, le infezioni da covid-19 hanno superato venti milioni di casi. Erano un milione all’inizio di aprile, cinque milioni il 22 maggio e dieci milioni alla fine di giugno.
  • Non ci sono indicazioni che il nuovo coronavirus sia stagionale e la sua diffusione potrebbe riprendere in qualsiasi momento, hanno detto l’11 agosto i leader dell’Oms in una conferenza stampa. Le prove suggeriscono che sia diverso dall’influenza, che tende a raggiungere il picco in autunno e in inverno. “Se togli la pressione sul virus, il virus si riprenderà. Questo è quello che diremo ai paesi in Europa: mantenete la pressione “, ha detto Mike Ryan, direttore esecutivo del programma di emergenza dell’Oms. Maria Van Kerkhove, direttrice del team sulla pandemia all’Oms, ha affermato che la maggior parte della popolazione mondiale rimane suscettibile al virus e il direttore generale dell’organizzazione Tedros Adhanom Ghebreyesus ha sottolineato l’importanza che i paesi intraprendano azioni mirate per affrontare le epidemie locali, per esempio tramite blocchi localizzati.
  • L’Oms afferma di aver ricevuto solo una piccola parte dei finanziamenti di cui ha bisogno per sviluppare e distribuire farmaci, vaccini e altri strumenti per aiutare ad affrontare la pandemia. “Anche se siamo grati a chi ha contribuito, siamo solo al dieci per cento della cifra necessaria”, ha detto Tedros durante una conferenza stampa.
  • Con lo zaino ma senza mascherina, in Scozia bambine e bambini hanno cominciato l’11 agosto a tornare a scuola per la prima volta in cinque mesi. Il rientro avverrà gradualmente, fino al 18 agosto. Secondo un sondaggio condotto la scorsa settimana dal sindacato degli insegnanti scozzesi, solo il 18 per cento dei 24mila docenti intervistati è convinto che fosse sicuro tornare a scuola. La premier Nicola Sturgeon ha detto che è “comprensibile” un po ‘di “ansia da parte di bambini, genitori e insegnanti”, ma ha assicurato che la riapertura delle scuole è “essenziale” per l’istruzione e il “benessere” degli studenti .
  • La premier della Nuova Zelanda, Jacinda Ardern, ha annunciato la riattivazione del lockdown nella città di Auckland dopo quattro nuovi casi. Nel paese non si registravano nuovi contagi da 102 giorni.
  • L’11 agosto il Bhutan ha imposto il suo primo lockdown a livello nazionale, dopo che un cittadino rientrato dall’estero è risultato positivo ed è entrato in stretto contatto con altre persone nella capitale Thimphu.