08 ottobre 2009 00:00

Bere tè può abbassare i livelli di ferro?

Con i suoi abbondanti antiossidanti e i livelli di caffeina relativamente bassi, il tè è una bevanda molto sana, ma può inibire l’assorbimento del ferro. I composti del tè, chiamati tannini, possono agire da chelatori, legarsi ai minerali e inibire la capacità del corpo di assorbirli. Ma è improbabile che questo abbia un impatto significativo sulla salute.

In uno studio, gli scienziati hanno offerto a un gruppo di volontari un pasto a base di hamburger, fagiolini e purè di patate, combinato con diverse bevande, per poi misurare i livelli di ferro. I soggetti che avevano mangiato bevendo tè mostravano una riduzione del 62 per cento dell’assorbimento del ferro. Il caffè ha prodotto una riduzione del 35 per cento, il succo d’arancia un aumento dell’85 per cento circa.

Ma c’è stata una sorpresa. Caffè e tè incidono solo sui livelli di ferro non emetico, che si trova nei cereali e nella verdura. Il ferro emetico, quello di carne e pesce, non viene intaccato. Visto che in occidente la maggior parte delle persone assume più ferro del necessario, un paio di tazze di tè o caffè al giorno non dovrebbero abbassare i livelli di ferro del sangue.

Conclusione. I composti del caffè e del tè possono incidere sull’assorbimento del ferro.-The New York Times