Un, due, tre!

17 marzo 2011 00:00

Il mattino è il momento migliore per l’esercizio fisico?

Sembra di no. Diversi studi hanno concluso che per quanto riguarda la prestazione fisica (resistenza, produzione di energia, tempo di reazione e capacità aerobica) si tende a fare leggermente meglio tra le quattro e le sette del pomeriggio.

Le spiegazioni sono molte: la temperatura corporea e i livelli ormonali raggiungono il culmine in quelle ore, rendendo i muscoli più elastici e ottenendo il miglior rapporto tra testosterone (l’ormone che potenzia i muscoli) e cortisolo (l’ormone che fa il contrario). I diversi orari, però, hanno solo effetti limitati: le ricerche hanno dimostrato che, in realtà, il corpo si adatta all’orario dell’allenamento.

In numerosi studi a lungo termine, per esempio, gli scienziati hanno diviso a caso i volontari in due gruppi, uno che si allenava solo la mattina e uno solo la sera. Alla fine quelli del mattino rendevano meglio nei test della prestazione fisica effettuati alle prime ore del giorno, mentre quelli della sera rendevano meglio più tardi. A livello pratico questo significa che per partecipare a una maratona mattutina potrebbe essere meglio allenarsi presto.

Conclusioni In genere il momento ideale per fare attività fisica è il pomeriggio, ma i vantaggi sono minimi.

Internazionale, numero 889, 17 marzo 2011

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il momento giusto
Dan Savage
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.