12 febbraio 2013 17:00

La mancanza di sonno riduce la resistenza al dolore?

Studi recenti hanno dimostrato che la mancanza di sonno può alterare il sistema tramite cui il corpo segnala il dolore, intensificando la sensibilità agli stimoli dolorosi. Il motivo non si conosce ancora, ma in base a una teoria la mancanza di sonno contribuisce ad aumentare l’infiammazione nel corpo. Recuperare il sonno può ridurla. Per gli scienziati potrebbero esserci conseguenze su chi soffre di dolori cronici perché il fenomeno incide anche sugli effetti degli antidolorifici, che la mancanza cronica di sonno rende meno efficaci.

In uno studio pubblicato sulla rivista Sleep, gli scienziati hanno visto che chi dormiva di più riusciva a sopportare gli stimoli dolorosi molto più a lungo, in media del 25 per cento. In passato molti altri studi hanno prodotto risultati simili. “I disturbi del sonno sono una lamentela ricorrente di chi soffre di dolori acuti e cronici”, concludono i ricercatori di uno degli studi. “Queste due funzioni vitali, sonno e dolore, interagiscono in modi complessi, che in ultima analisi incidono sulla capacità biologica e comportamentale dell’individuo”.

**Conclusioni***La mancanza cronica di sonno sembra ridurre la resistenza al dolore, ma non è ancora chiaro il perché.*