Robert Mugabe all’inaugurazione dei lavori parlamentari, a Harare, il 6 ottobre 2016. (Philimon Bulawayo, Reuters/Contrasto)

La storia di Robert Mugabe, da eroe africano a dittatore patetico

Robert Mugabe all’inaugurazione dei lavori parlamentari, a Harare, il 6 ottobre 2016. (Philimon Bulawayo, Reuters/Contrasto)
17 novembre 2017 12:09

Robert Mugabe ha 93 anni e da 37 era al potere senza interruzioni. Il 16 novembre, però, pur non avendolo formalmente destituito per paura delle reazioni del resto dell’Africa, dove i colpi di stato militare non sono più graditi, l’esercito ha assunto il controllo del paese per cacciare i “criminali” che circondano il presidente dello Zimbabwe.

L’obiettivo dei generali è in realtà più circoscritto. L’esercito vuole infatti colpire Grace Mugabe, moglie del presidente, donna astuta di 52 anni, soprannominata “First shopper”, “Gucci Grace” o più semplicemente “DisGrace”. Grace avrebbe tramato per prendere il posto del marito convincendolo ad allontanare il vicepresidente che doveva sostituirlo a tempo debito.

Per l’esercito è stato l’ultimo affronto, e ora i militari cercano di ottenere da Mugabe dimissioni che però il presidente continua a negare, sostenendo che tocca agli elettori decidere attraverso le elezioni presidenziali del 2018, a cui naturalmente intende candidarsi.

Bianchi contro neri
È uno spettacolo patetico, il lento e doloroso naufragio di un uomo che per tanto tempo è stato un eroe dell’Africa, applaudito e riverito in tutto il mondo quasi quanto Nelson Mandela.

Lo Zimbabwe è l’ex Rhodesia, colonia britannica dalla fiorente agricoltura di cui i proprietari terrieri, bianchi, avevano dichiarato l’indipendenza nel 1965, per poi conservare il controllo del paese contro la maggioranza nera. Sotto la guida di uno di loro, Ian Smith, i bianchi rhodesiani speravano di resistere al movimento di decolonizzazione utilizzandolo per trarne profitto.

Il potere assoluto corrompe in modo assoluto

Non era più la potenza contro la colonia, ma direttamente i bianchi contro i neri, in una battaglia in cui Londra prese le parti della maggioranza nera. Poteva finire in un bagno di sangue, ma il capofila degli indipendentisti, Robert Mugabe, riuscì a negoziare con i bianchi più realisti, promettendo una piena cittadinanza per tutti in cambio di una transizione pacifica. Era il 1980, 37 anni fa.

Ma il potere assoluto corrompe in modo assoluto, e quest’uomo saggio ha finito col perdere la testa. Mugabe è diventato un dittatore. Quando un leader sindacalista nero, Morgan Tsvangirai, si è alleato con i grandi proprietari bianchi per contrastarlo alle urne, Mugabe ha espropriato le fattorie bianche e brutalmente represso i suoi oppositori politici e sindacali.

“Ve l’avevo detto”, aveva commentato Ian Smith. Nel 1965 aveva sicuramente torto, ma quindici anni dopo lo Zimbabwe ha cominciato la sua discesa agli inferi. Fino a questo colpo di stato, che rifiuta di essere chiamato tale.

(Traduzione di Andrea Sparacino)

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La gestione autoritaria dell’epidemia di coronavirus da parte della Cina
Pierre Haski
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.