Un ultimo test prima di partire

18 settembre 2009 17:20

In questi mesi ci siamo occupati di cosa mettere in valigia per viaggiare il più leggeri possibile. Questa è la mia ultima column e vorrei fare una breve lista di tutte le cose che spesso dimentichiamo di fare prima di partire.

Assicuratevi che qualcuno sia a conoscenza del vostro itinerario e che possa risolvere un’emergenza in vostra assenza (lasciategli le chiavi di casa)

Informate la banca del vostro viaggio, così potrà sospendere il conto in caso di operazioni sospette.

Regolate il termostato di casa, pulite il bagno e qualsiasi altra cosa possa dare cattivo odore, buttate la spazzatura, date l’acqua alle piante e non lasciate nel frigo dei cibi che possano andare a male. Programmate il pagamento delle bollette durante la vostra assenza.

Chiudete bene porte e finestre, spegnete gli elettrodomestici e staccate le spine (saranno protetti dagli sbalzi di corrente e in più eviterete di pagare l’elettricità che serve per lasciarli in standby). Staccate il tubo dell’acqua dalla lavatrice e pulite le grondaie.

Chi sta per partire in genere riempie la valigia di cose perché ha paura di non avere tutto quello che gli serve. Ho scritto questa rubrica per darvi qualche consiglio alla luce dei miei tanti viaggi di lavoro e come turista, ma ovviamente le soluzioni che ho raccontato non vanno bene per tutti.

Come fare a capire se le vostre scelte sono quelle giuste? Per fortuna esiste un test molto semplice: riempite la valigia con tutto quello che pensate di portare e mettetevi le scarpe che volete usare. Fate un giro di un’ora in città con la valigia, percorrendo scale e terreni sconnessi. Fermatevi per una pausa se ne avete bisogno, ma non passate tutto il tempo al bar! Se alla fine del giro non sarete esausti, potete prenotare il vostro viaggio. Buon divertimento.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Tutto quello che c’è da sapere sulle elezioni europee
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.