Il nuovo album dei Wilco e altre quattro canzoni per il weekend

17 luglio 2015 16:59

Wilco, You satellite
Ieri sera i Wilco hanno pubblicato a sorpresa un nuovo album, intitolato Star wars. Si può scaricare gratis sul sito del gruppo. Tra i pezzi più belli del disco c’è sicuramente questa cavalcata psichedelica intitolata You satellite (sotto si può ascoltare tutto l’album, il pezzo citato comincia al minuto 10:26).


Iosonouncane, Buio (acustica)
Iosonouncane, al secolo Jacopo Incani, è una delle cose più belle capitate alla musica italiana negli ultimi anni. Il suo ultimo disco, Die, è un album coraggioso, ostinatamente inattuale e per questo affascinante. Questa versione di Buio è molto diversa da quella del disco, ma dà al pezzo nuova vita. Il brano è stato registrato in mezzo alla natura, tra i filari della vigna in cui è stato concepito parte di Die.


Chvrches, Leave a trace
I Chvrches sono una band scozzese, di cui fanno parte la cantante Lauren Mayberry e i polistrumentisti Iain Cook e Martin Doherty. Due anni fa il gruppo ha pubblicato un disco d’esordio notevole, intitolato The bones of what you believe. Fanno pop elettronico e lo fanno molto bene. Leave a trace è il primo singolo del secondo disco, Every open eye, che uscirà a settembre.


Goat, It’s time for fun
Definire originale lo stile dei Goat non rende bene l’idea di quanto bizzarra, e splendidamente inattuale, sia la loro musica. Il collettivo svedese, che dice di venire da un piccolo paese chiamato Korpilombolo mescola rock anni settanta, dance e ritmi africani. Le canzoni dei Goat sarebbero perfette per un festival hippie, ma anche per un rito voodoo o una messa nera. Questo è il loro nuovo singolo, registrato a New York.


Il Pan Del Diavolo, Un classico
Per capire quanto sono bravi i siciliani Il Pan Del Diavolo bisogna vederli dal vivo. Al duo palermitano per far felice il pubblico bastano due chitarre e una grancassa. Il video di Un classico, il terzo estratto dall’ultimo album Folkrockaboom, racconta proprio la vita in tour del gruppo. Come al solito, gli intrecci tra chitarre acustiche ed elettriche sono notevoli.


Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La macchina del consenso di Erdoğan
Annalisa Camilli
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.