Canto

08 marzo 2012 00:00

“Quanta gente canta se sa cantare, ma quanta di più canta lo stesso anche se cantare non sa. E perché canta? Se è felice? Se ha qualcosa da dire? O se soffre e se gli piace soffrire, o se ha fantasia e non ama il normale delle cose? Forse si canta da sempre perché cantare è come raccontare e stare vicino alle cose a un passo dal mondo. Io, anch’io canto, e a un passo dal mondo scrivo canzoni e ricevo nastrini e cassette a milioni e la gente mi scrive, mi manda le sue parole e non chiede chi amo, ma se amo chi chiede e a cosa penso un secondo prima di scrivere una canzone, o dov’era, dove si ficcava questa canzone prima di essere scritta o pittata, su quali spiagge o cimiteri volava prima di essere inventata, in quali occhi a mandorla di strega o in quali mani di porco o di fata era, avanti di essere scovata. Quanta gente soffia in un tubo o mette il culo tra una sedia e una fisarmonica e suona o prova a suonare persino in trenino? Io, anch’io ho cominciato così, in piedi su un tavolo da bambino con la mia gente intorno e il neon che dava le onde”.

Lucio Dalla, messaggio agli allievi di un corso di musica, Roma, marzo 1982.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

L’offensiva di Haftar in Libia può contare sull’ambiguità della Francia
Pierre Haski
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.