Come si deve valutare un’università

07 ottobre 2016 19:00

Nell’estate si succedono le diverse classifiche delle università. L’attenzione alle graduatorie (le statunitensi hanno perduto il primo posto, sul podio è salita Oxford eccetera) distrae dal valutare i criteri delle varie graduatorie. Li critica tutti, dal punto di vista della solidità statistica e della bontà dei dati cui si applicano, Stéphane Gregoir, matematico e statistico di Tolosa, nel suo sito The Conversation. Si può sperare che si avvii una discussione più ampia sulla sensatezza dei diversi ranking. Sembra ragionevole continuare a pensare che un’università debba assolvere a tre grandi funzioni.

La prima riguarda le conoscenze scientificamente fondate: si tratta di acquisirle, valutarle criticamente, conservarle, rielaborarle e possibilmente produrne di nuove. Ognuno di questi aspetti meriterebbe un’attenzione specifica. La seconda funzione è formare nuove persone capaci di utilizzare il sapere acquisito sia per diventarne nuovi e innovativi cultori sia per concorrere attivamente alla vita sociale e produttiva di un paese. Formare futuri ricercatori e studiosi è importante, ma non lo è meno formare insegnanti, medici, giudici, ingegneri, farmacisti, geologi. Terza funzione: fornire consulenza al paese.

Superata la difficoltà di specificare i diversi criteri di valutazione, che peso assegnare a ciascuno? E non è insensato assegnare lo stesso peso a un certo criterio a Tirana e a Oxford, ad Arcavacata e a Boston, in differenti realtà con esigenze diverse?

Questa rubrica è stata pubblicata il 30 settembre 2016 a pagina 107 di Internazionale. Compra questo numero | Abbonati

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Per il premier iracheno si prepara la resa dei conti
Zuhair al Jezairy
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.