Reperti archeologici recuperati dopo essere stati trafugati a Baghdad, maggio 2003. (Petr Josek, Reuters/Contrasto)

Baghdad chiede indietro i suoi tesori archeologici

Reperti archeologici recuperati dopo essere stati trafugati a Baghdad, maggio 2003. (Petr Josek, Reuters/Contrasto)
25 giugno 2019 15:59

Le autorità irachene avvieranno una serie di controversie internazionali nei confronti degli stati che hanno partecipato o contribuito al furto e al traffico di reperti archeologici trafugati in Iraq dal 2003 in poi.

Jasem al Hamidawi, della commissione cultura e turismo del parlamento iracheno, ha dichiarato ai giornalisti: “Anche se è troppo tardi, la campagna è pur sempre necessaria e partirà a settembre, sedici anni dopo il 2003”.

Al Hamidawi ammette che le autorità irachene ancora oggi non hanno informazioni sui tragici numeri e sulle caratteristiche dei beni rubati dai musei iracheni nel 2003, e su quanti ne siano stati restituiti. Con più di 17mila siti archeologici in tutto l’Iraq senza controlli, ci sono reti criminali ancora attive nel furto e nel contrabbando di resti archeologici iracheni in connessione con reti di traffici internazionali, una delle quali è basata in Israele.

Avvertimento a vuoto
Nel maggio 2018 l’agenzia federale statunitense per le frontiere e l’immigrazione ha finalmente restituito all’ambasciata irachena a Washington 3.800 di questi preziosi reperti, tra cui tavolette con iscrizioni cuneiformi e sigilli cilindrici in argilla, che dovrebbero tornare al museo di Baghdad.

“I saccheggi e uno sviluppo caotico sono le minacce più grandi per i reperti archeologici” del paese, aveva avvertito Lamia al Gailani, archeologa irachena e ricercatrice della School of oriental and african studies di Londra, morta nel gennaio 2019.

pubblicità

Ne è un drammatico esempio Mosul, dove più di un terzo del sito dell’antica città assira di Ninive è stato ricoperto di case. “L’archeologia non è mai una priorità, per qualunque governo”, aveva concluso Al Gailani.

(Traduzione di Francesco De Lellis)

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Sicurezza a tutti i costi
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.