Zuhair al Jezairy

È un giornalista iracheno.

Zuhair al Jezairy
In Iraq Bassora ha raggiunto il culmine della povertà

Nella città petrolifera, considerata come la capitale economica del paese, ogni giorno i giovani manifestano per chiedere un lavoro. E la pandemia ha fatto salire il numero delle persone in povertà in tutto l’Iraq a più di 11 milioni. Leggi

Com’è stata accolta in Iraq la vittoria di Joe Biden

Non è chiaro finora se il presidente eletto cambierà la politica degli Stati Uniti in Medio Oriente. Tra gli iracheni, i dibattiti a questo proposito erano già cominciati molto prima del 3 novembre. Leggi

pubblicità
In piazza Tahrir a Baghdad sono sparite le tende dei manifestanti

È triste vedere il centro di Baghdad senza l’accampamento di protesta. Di un totale di 220 tende oggi ne rimangono solo 17, le altre sono state richiuse e messe via. Difficile capire il perché. Leggi

Il massacro che sconvolge l’Iraq

Il sequestro e l’uccisione di alcuni abitanti del villaggio sunnita di Farhatiya da parte di una milizia sciita mette ancora in evidenza le divisioni del paese. Leggi

I curdi iracheni aspettano l’aiuto di Baghdad

I rapporti tra il Kurdistan iracheno e il governo centrale restano segnati da sfiducia e divergenze, in particolare sulla gestione del petrolio. Ma nella regione autonoma gli effetti della crisi economica si fanno sentire sempre di più. Leggi

pubblicità
I conti in rosso di Baghdad

Il governo iracheno fatica a pagare gli stipendi dei dipendenti pubblici e le pensioni. Per superare la crisi potrebbe essere costretto a indebitarsi ancora di più. Leggi

Il governo iracheno deve dimostrare la sua credibilità

Le manifestazioni di piazza e la comunità internazionale chiedono al premier iracheno di dimostrare la sua indipendenza da Teheran. Leggi

Una prima vittoria di Baghdad contro le milizie

Dopo un avvertimento lanciato da Washington, negli ultimi giorni ci sono stati alcuni improvvisi segnali di cambiamento nei comportamenti e nella struttura delle milizie filoiraniane irachene. Leggi

L’omicidio di una giovane farmacista sconvolge Baghdad

La capitale irachena è sotto shock per l’uccisione dell’attivista Sheelan Raouf e dei suoi genitori. Raouf era in prima linea nelle manifestazioni contro il governo che vanno avanti da quasi un anno. Leggi

Timidi passi avanti tra Baghdad e il governo del Kurdistan iracheno

Nonostante un primo accordo sugli incassi ai valichi di frontiera, resta aperta la partita più importante della riforma costituzionale, riguardante il ruolo delle popolazioni curde e arabe nell’identità dello stato. Leggi

pubblicità
Gli archivi di Saddam Hussein tornano in Iraq

Sei milioni di pagine di archivi politici del regime tornano nel paese anche grazie agli sforzi del primo ministro. Non sarà disponibile online, per evitare vendette e ritorsioni tra avversari. Leggi

Per gli sciiti iracheni i simboli religiosi diventano politici

Le annuali celebrazioni religiose dell’Ashura sono state un’occasione per denunciare l’incapacità del governo nel trovare chi ha sparato sulle proteste dei mesi scorsi e lo strapotere dell’Iran. Leggi

Si allunga la lista delle promesse mancate del premier iracheno

Cento giorni dopo aver assunto il suo incarico da primo ministro dell’Iraq, Mustafa al Kadhimi ha mantenuto solo due delle sue 28 promesse. Altre quattro sono state solo parzialmente rispettate. Leggi

Iracheni e libanesi condividono le proteste

I due paesi vivono entrambi situazioni catastrofiche: la corruzione dei governi, i servizi pubblici carenti, il controllo esercitato sullo stato dalle milizie. Leggi

Un po’ di chiarezza a Baghdad

Il ministro dell’interno ha svelato i nomi di tre esponenti della polizia che hanno usato i loro fucili da caccia per uccidere tre persone e ferirne altre 28 in piazza Tahrir. Leggi

pubblicità
Prove di dialogo tra Baghdad e Teheran

Il primo ministro iracheno e l’ayatollah Ali Khamenei hanno individuato un nemico contro cui fare fronte comune. Ma potrebbe non bastare per distendere i rapporti diplomatici nella regione. Leggi

L’Iraq impoverito vuole rafforzare il controllo sulle sue dogane

La sorveglianza delle frontiere irachene, soprattutto di quelle con l’Iran, è diventata un terreno di scontro tra il primo ministro Mustafa al Kadhimi e le milizie filoiraniane. Leggi

L’omicidio che minaccia il diritto alla conoscenza in Iraq

Chi ha ucciso lo studioso Hisham al Hashimi? Forse una risposta può essere cercata nelle sue ricerche sulle milizie filoiraniane in Iraq. Leggi

La sfida di Baghdad alle milizie filoiraniane

Dopo l’arresto, il 24 giugno, di quattordici affiliati al gruppo filoiraniano Kataib Hezbollah, il primo ministro iracheno è stato accusato di essere un agente al soldo degli Stati Uniti. Leggi

L’Iraq assediato da molteplici attacchi armati

Ankara continua le incursioni contro il Pkk e Teheran fa altrettanto nel nordest iracheno. Già minacciato dal gruppo Stato islamico e dalle milizie filoiraniane, il governo iracheno sembra accerchiato. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.