Zuhair al Jezairy

È un giornalista iracheno.

Zuhair al Jezairy
Il potere di Barzani nel nuovo governo curdo iracheno

Nell’esecutivo ci saranno tre ministre, ma i posti chiave sono in mano a familiari dell’ex presidente Barzani. L’indipendenza della regione è sparita dai discorsi pubblici. Leggi

Le milizie irachene non vogliono lasciare il campo di battaglia

I gruppi armati che hanno partecipato alla battaglia contro il gruppo Stato islamico dovrebbero sottomettersi all’esercito regolare. Ma non vogliono sottostare all’autorità di Baghdad. Leggi

pubblicità
Le bombe e le mine inesplose che scuotono l’Iraq

A nord di Mosul due contadini sono morti dopo le esplosioni di alcune mine. Secondo le Nazioni Unite nel paese sono sepolti circa un milione e 700mila ordigni. Leggi

Baghdad chiede indietro i suoi tesori archeologici

Le autorità irachene apriranno delle controversie internazionali nei confronti degli stati coinvolti nel furto e nel traffico di reperti archeologici dal 2003 in poi. Leggi

Il governo iracheno rischia di andare in fumo

Gli incendi hanno devastato decine di migliaia di ettari di grano e orzo. Secondo alcuni sono un normale incidente. Per altri invece sono di origine dolosa. Leggi

pubblicità
Che fare con i figli dei jihadisti arrestati in Iraq

I giudici iracheni si trovano di fronte a molti problemi nell’affrontare la questione. Leggi

Il governo iracheno preso tra due fuochi

Il primo ministro iracheno Abdul Mahdi è intrappolato tra Stati Uniti e Iran, e i loro rispettivi alleati. Ognuno dalla sua posizione se la prende con lui. Leggi

Il contrabbando di petrolio arricchisce le milizie irachene

Almeno dieci partiti nel parlamento iracheno sono coinvolti nel contrabbando di petrolio e si oppongono alle inchieste sui gruppi armati che lo controllano. Leggi

Bassora vuole l’autonomia dal governo centrale

Anche se produce il 70 per cento del petrolio iracheno, Bassora è una delle città più povere del paese. Ora chiede di amministrare le sue ricchezze autonomamente. Leggi

Baghdad cerca un ruolo da protagonista nella regione

Nel tentativo di trovare un equilibrio tra i due paesi rivali, nel giro di pochi giorni il primo ministro iracheno Adel Abdul Mahdi dopo la visita a Teheran è volato nella capitale saudita Riyadh. Leggi

pubblicità
In Iraq le milizie hanno preso il posto dei jihadisti

Violenza, traffici illeciti e corruzione continuano a dominare le città una volta occupate dal gruppo Stato islamico. Leggi

Anche l’Iraq è stato travolto dalle piogge

Questa volta non è la siccità a terrorizzare l’Iraq, ma le alluvioni. Centinaia di famiglie sono state costrette a lasciare le proprie case per evitare un’ulteriore catastrofe. Leggi

Un triste capodanno per Mosul

Un traghetto si è ribaltato nel fiume Tigri uccidendo donne e bambini diretti a una festa su un’isola vicina. Nel paese crescono le richieste di dimissioni del premier Mahdi. Leggi

I narcotrafficanti scelgono la rotta irachena

Il primo ministro Abdul Mahdi ha rivelato la nuova via degli stupefacenti, ma senza chiedere una maggiore cooperazione con l’Iran, da cui transita il narcotraffico. Leggi

Il gruppo Stato islamico cerca di risorgere in Iraq

Un’esplosione mortale a Mosul mostra che i jihadisti sono pronti ad approfittare delle lotte intestine ai partiti per ricompattarsi dopo le disfatte in Siria. Leggi

pubblicità
Giochi di potere in Iraq

Il premier vuole salvaguardare i benefici che derivano dagli stretti rapporti con l’Iran, ma allo stesso tempo vuole rimanere libero di trattare con gli Stati Uniti. Leggi

San Valentino a Baghdad tra traffico e divieti

I giovani hanno riempito i parchi e i ristoranti della città. Incuranti di possibili attentati e delle condanne rivolte dal clero alla “tradizione degli infedeli”. Leggi

Tredici proiettili contro un poeta

Alaa Mashzoub era uno scrittore con venti libri all’attivo, noto nella sua città, Kerbala, come attivista contro la corruzione e le milizie filoiraniane. Leggi

L’elogio di Saddam Hussein mette in pericolo un poeta iracheno

Un giovane poeta è stato arrestato per aver elogiato il dittatore, apprezzato anche sui social network a 12 anni dalla sua esecuzione. Nel paese si teme una campagna orchestrata dai suoi sostenitori. Leggi

A chi serve il narcotraffico in Iraq

Il mercato della droga è gestito dalle milizie filoiraniane che lo usano per finanziarsi. I consumatori sono giovani, disoccupati, senza speranze. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.