Zuhair al Jezairy

È un giornalista iracheno.

Zuhair al Jezairy
A Baghdad le milizie si contendono il racket delle estorsioni ai negozi

Aumentano i casi di esercizi commerciali dati alle fiamme: i responsabili si nascondono dietro motivazioni religiose, ma vogliono solo riscuotere tangenti dai proprietari. Leggi

L’Iraq è piegato dalla siccità

Piogge scarse e sfruttamento eccessivo dei fiumi da parte degli agricoltori in Turchia, Iran e Siria prosciugano il Tigri e l’Eufrate. Le istituzioni non hanno progetti d’investimento idrico e si limitano a protestare in via ufficiale. Leggi

pubblicità
Gli Stati Uniti restituiscono Il sogno di Gilgamesh

Trafugata durante la guerra del Golfo, un’antica tavoletta torna finalmente a essere esposta nel museo archeologico di Baghdad. Leggi

Il conteggio dei voti in Iraq scatena ancora scontri mortali

La commissione elettorale ha confermato il risultato del 10 ottobre. I perdenti, legati alle milizie, continuano a opporsi per far sentire il loro peso nel prossimo esecutivo. Leggi

Il traffico di droga dilaga in Iraq

Le milizie armate che controllano le frontiere del paese gestiscono il passaggio degli stupefacenti e spesso si scontrano con le forze dell’ordine. Leggi

pubblicità
Un attentato rinvigorisce il premier iracheno

Non si placano le tensioni dopo i risultati elettorali, poco graditi alle milizie filoiraniane. Il primo ministro ora gode del sostegno internazionale e intende usarlo per restare in carica il più a lungo possibile. Leggi

Le autorità religiose non riescono a spegnere la musica in Iraq

Alcuni politici hanno provato a cancellare i concerti durante il Festival internazionale di Babilonia. Ma i giovani iracheni si sono opposti. Leggi

Centinaia di ricorsi contro il risultato del voto iracheno

La formazione del nuovo governo iracheno sarà complicata per le divisioni nel blocco sciita. Il fronte dell’opposizione, invece, è il più ampio degli ultimi vent’anni. Leggi

Sorprese e conferme del voto iracheno 

Alle elezioni del 10 ottobre il movimento del leader sciita Moqtada al Sadr è cresciuto mentre le formazioni vicine all’Iran hanno perso molti consensi e chiesto un riconteggio. Le conseguenze del voto non sono scontate. Leggi

Il prossimo parlamento iracheno potrebbe essere peggiore del precedente

I deputati della scorsa legislatura sono stati i più negligenti e inefficienti dal 2005. Ma metà della popolazione crede che il voto del 10 ottobre non cambierà le cose. Leggi

pubblicità
Gli iracheni si preparano a votare per cambiare il sistema

Il 10 ottobre gli iracheni votano il nuovo parlamento dopo la riforma in senso proporzionale del sistema elettorale, approvata per accontentare i manifestanti che sono scesi in piazza per la prima volta due anni fa. Leggi

L’Iran e la Turchia sono vicini ingombranti per l’Iraq

Negli ultimi mesi Ankara e Teheran hanno condotto varie operazioni militari contro i loro nemici curdi in territorio iracheno. Un’ingerenza che Baghdad non può tollerare. Leggi

La campagna elettorale diventa sempre più aspra

Le elezioni del 10 ottobre si avvicinano, e i candidati si accusano reciprocamente di boicottare lo svolgimento del voto. Leggi

L’Iraq teme di restare senz’acqua

Alcuni studi dimostrano che un accesso equo alle risorse idriche è fondamentale per la ricostruzione irachena, perché l’acqua è alla base della salute pubblica, della produzione alimentare e di energia. Leggi

In Iraq i politici denunciano e alimentano la corruzione

In vista delle elezioni di ottobre, le varie coalizioni si accusano a vicenda di aver favorito la corruzione. E nessuno parla del ruolo decisivo delle milizie. Leggi

pubblicità
In Iraq le elezioni si avvicinano e il nervosismo cresce

Il 10 ottobre i cittadini iracheni dovrebbero tornare alle urne. Ma alcune forze politiche hanno deciso di boicottare il voto. Leggi

L’Iraq diviso e impaurito dal ritorno dei taliban in Afghanistan

Le istituzioni irachene non si sono pronunciate sulle vicende afgane, ma dai social network emerge la paura della popolazione di precipitare nello stesso caos quando le truppe statunitensi si ritireranno alla fine dell’anno. Leggi

Il parlamento iracheno vuole negare alle donne l’affidamento dei figli

Una modifica della legge sullo statuto personale mira a togliere alle donne il diritto all’affidamento dei figli, che dopo un eventuale divorzio dovrebbero vivere con il padre. Finora solo tre parlamentari si sono opposte. Leggi

Le madri dei manifestanti uccisi chiedono giustizia

In diverse città irachene le madri dei giovani uccisi dalla polizia e dalle milizie portano avanti una protesta solitaria perché sia fatta luce sugli omicidi. Intanto aumenta la violenza in vista delle elezioni di ottobre. Leggi

In Iraq la politica è lontana dai giovani

Il divario tra i due mondi si sta ampliando sempre di più. I politici sono indifferenti o ostili nei confronti dei giovani, che li accusano di rubargli il futuro. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.