Le mutande della coinquilina

04 ottobre 2017 17:08

Avvertenza. Il linguaggio di questa rubrica è diretto ed esplicito.

Sono un maschio etero di 22 anni che sta con una donna di 23. È in assoluto la storia più sessuale che abbia mai avuto, e questo va benissimo, se non per una piccola paranoia che mi è venuta: qualche giorno fa ho “beccato” la mia ragazza che si masturbava con le mutande della sua coinquilina (sapeva che sarei andato da lei e voleva farsi beccare). Scopro così che ha l’abitudine di rubare alla coinquilina la biancheria usata, annusarla (o infilarsela in bocca) mentre si masturba e poi rimetterla nella cesta di nascosto. Ogni tanto usa anche il suo vibratore e si struscia contro il suo cuscino fino a raggiungere l’orgasmo. A sentire tutte queste cose io mi sono eccitato, e lei mi ha fatto una sega con le mutandine della coinquilina. Dice che la eccita “la trasgressione” e che di solito le sue fantasie vedono la coinquilina come schiava sessuale, io che mi scopo quest’ultima mentre la mia ragazza è legata, eccetera. Ora come ora la nostra vita sessuale ruota intorno alla coinquilina: la mia ragazza ha rubato altre mutandine, e qualche volta ce le aveva pure addosso mentre scopavamo, e ormai le cose zozze che dice durante il sesso sono quasi sempre su di lei. Siccome tutto questo mi eccita non voglio smettere, però mi chiedo: 1) È sbagliato? 2) È normale? Ci spingono a pensare che le donne siano meno perverse e abbiano meno libido degli uomini, ma è una cosa a cui io non voglio credere. Lei dice che non si sente “tanto strana”. Non so cosa pensare.

–There’s No Acronym For This

  1. È sbagliato.

  2. In fatto di sessualità umana, TNAFT, l’eccezione è la regola. Il che significa che le anomalie/la trasgressione/i feticismi sono normali — e in questo la scienza mi sostiene — e che certo, tante donne hanno una forte libido, così come tante hanno feticismi di vario tipo. La tua email è finita tra la domanda di una donna che ha bisogno di fare sesso tutti i giorni (e scioccamente si è sposata uno dalla libido molto bassa*) e quella di un’altra a cui piace il bdsm (e ha saggiamente aspettato di trovare un uomo aperto, generoso e capace che però, pur essendo migliorato nel bondage, proprio non se la sente di infliggerle il dolore erotico e consensuale a cui lei aspira**).

Ma che l’eccezione sia la regola non basta a giustificare la tua ragazza, TNAFT, e nemmeno te. State entrambi violando la privacy di quella povera donna, potenzialmente la sua salute (a meno che la tua ragazza non sterilizzi il vibratore dopo averlo usato), e — cosa forse ancor più importante — la sua fiducia. Rispettare la privacy dell’altro e mostrare rispetto per le sue proprietà sono le norme sociali che rendono possibile agli adulti non imparentati e che non scopano tra di loro di condividere uno spazio.

Confidiamo nel fatto che i coinquilini non ci rubino i soldi dalla borsa, che non ci mangino la Nutella, che non usino il nostro spazzolino e via dicendo. E se anche i coinquilini non dovessero mai scoprirlo, non va comunque bene usare il suo cazzo di spazzolino. Va da sé che confidiamo anche nel fatto che i coinquilini non s’infilino in bocca le nostre mutandine sporche, che non usino i nostri sex toys, che non si scopino il nostro cuscino e via dicendo.

Non abbiamo alcun controllo sulle fantasie che ci riguardano — la gente può fantasticare su quel che vuole — ma abbiamo il diritto assoluto di decidere chi maneggia le nostre mutande sporche (Dio, pensate a tutte le volte che rimanendo a corto di mutande pulite ne avete ripescato un paio sporco dalla cesta!).

La tua ragazza dovrebbe fare una sincera, rispettosa e trasgressiva avance alla coinquilina. E poi chissà? Magari quella è più perversa di voi due messi insieme, e l’occasione di avere una schiava sessuale più il libero uso del di lei fidanzato, in cambio di qualche mutandina sporca, la coglierebbe al volo. O magari vorrebbe traslocare.

***

Sono incinta di sei mesi e ho un rapporto di coppia stupendo. La libido mi è schizzata alle stelle, e a volte mi ritrovo arrapata in modo imbarazzante e nei momenti più a caso. Lavoro in una scuola materna, e nelle pause mi è capitato di andare nel bagno che si può chiudere a chiave per darmi una toccatina veloce. C’è qualcosa di male? A venire ci metto un minuto, e sono silenziosissima. Ma è pur sempre una scuola materna, e al di là di quella porta ci sono dei bambini piccoli. Tu che ne pensi?

–Knocked Up And Horny

Non c’è niente di male, e comunque a breve ti ritroverai a fare sesso in casa tua mentre al di là della porta dorme o gioca tuo figlio o tua figlia, KUAH, per cui tanto vale cominciare ad allenarsi. E se nemmeno a casa vuoi che un bambino ti sorprenda sul più bello (decisamente da evitare), fai in modo di chiudere a chiave.


***

Sono una donna di 29 anni che tra qualche mese sposerà quello che da quattro anni è il suo fidanzato, “Adam”. Rapporto splendido, sesso fantastico, niente di cui lamentarmi. Allora perché ti scrivo? Il migliore amico di Adam, “Steve”, era il suo compagno di stanza all’università, e qualche giorno fa Adam mi ha rivelato che si masturbavano insieme. Davvero non so cosa pensare. Io non penso che Adam sia gay, e penso che non lo sia nemmeno Steve. Magari sono eteroflessibili? Masturbarsi insieme tra maschi eterosessuali è una cosa comune? E perché me lo dice adesso, quando stiamo insieme da quattro anni? Con Steve non so bene come comportarmi. Lo frequentiamo un sacco. Aiuto!

–Seeking To Evaluate Very Explosive Disclosure

“Le seghe in compagnia tra maschi etero sono più comuni di quanto molti crederebbero”, dice Trey Lyon di Fuck Yeah! Friendly Fire, la “risorsa definitiva per il porno semietero”. Sul sito di Lyon – FYFriendlyFire.com – ci sono contenuti porno di genere “eteroflessibile/quasi bisessuale”, ovvero due maschi che non temono di morire per autocombustione se mentre fanno sesso con la stessa donna i loro uccelli si sfiorano. Il sito di Lyon ha più di 200mila follower, e tanti maschi etero/semi-etero gli hanno scritto dicendogli che si masturbano insieme — inteso come “accanto” — ai loro amici maschi. Lyon non può fornirti dati concreti, STEVED, ma solo aneddoti, eppure sento di poter dire che il tuo futuro sposo non è l’unico maschio etero/semietero al mondo a essersi fatto qualche sega in compagnia.

Ma perché i maschi etero/semietero lo fanno? “Nel suo discusso libro del 2015, Not gay: sex between straight white men, la studiosa e scrittrice Jane Ward sostiene che, nell’interazione omosessuale, i maschi eterosessuali bianchi facciano leva sulla propria consapevolezza di essere bianchi e mascolini per comprovare la propria eterosessualità anche nel rapporto sessuale con un uomo”, dice Lyon. “Che, concependo le proprie interazioni con una persona dello stesso sesso come irrilevanti, accidentali o perfino necessarie, i maschi etero bianchi possano avere rapporti omosessuali rimanendo eterosessuali. Non essendo io bianco, mi azzardo a pensare che lo stesso possa valere al di là delle differenze razziali, almeno per quel che riguarda le seghe fra maschi”.

Intervengo per un attimo: secondo me il libro di Ward dice stronzate, perlomeno quando parla di uomini che fanno sesso anale/orale con altri uomini regolarmente e non in presenza di un’accompagnatrice. Pur ritenendo che uno possa avere un rapporto omosessuale senza doversi definire gay o bisessuale — ai maschi etero va dato lo stesso margine di manovra sull’argomento di cui godono le donne etero — l’eterosessualità è così preziosa (e a quanto pare così vulnerabile) che c’è chi, davanti a due maschi che se lo pigliano in bocca a intervalli regolari, riesce a sfornare razionalizzazioni in formato libro che consentono ai maschi in questione di non identificarsi né essere etichettati come bisessuali, gay o queer (e se i maschi etero possono “confermare la propria eterosessualità” succhiando il cazzo, allora non dovrebbero esistere anche dei maschi gay che “confermano” la loro eterosessualità leccando la fica?).

Tornando a Lyon…
“Molti degli etero che mi hanno scritto dicono che a loro piace socializzare con un altro uomo in modo mascolino benché sessuale, rimanendo però responsabili unici del proprio piacere”, dice Lyon. “Per loro, condividere un momento di vulnerabilità con un altro maschio in quel modo rafforza l’amicizia. Forse il fidanzato di STEVED ne parla ora perché non la trova una cosa di cui vergognarsi, perché è ben integrata nella sua sessualità e nel suo orientamento, e perché pensa sia importante essere sincero con la sua futura moglie. Dov’era già il problema?”.

* Divorzia e ricomincia da capo.

** Continuate a parlarne, un passo alla volta. Ma se lui non ce la fa non ce la fa. Anche i migliori hanno i loro limiti.



(Traduzione di Matteo Colombo)

pubblicità

Articolo successivo

Gli ultimi Jedi e gli altri film del weekend
Piero Zardo