Sommario

645 (9/15 giugno 2006)

I fantasmi di Haditha

Esclusivo. L’inchiesta di Time che ha denunciato la strage compiuta dai marines in Iraq

645 (9/15 giugno 2006)

Opinioni

L’ora del Darfur

Opinioni

Weekend a San Pietroburgo

pubblicità

Opinioni

Il sapore dell’isolamento

Iran

Giochi di potere

La comunità internazionale minaccia sanzioni se l’Iran non abbandonerà il suo programma nucleare. Ma il regime tiene duro. E può contare sul sostegno della popolazione

Potere al pannolone

Il futuro lo decidono quelli che non lo vivranno e non quelli che lo subiranno per mezzo secolo. Leggi

pubblicità

Africa e Medio Oriente

I congolesi verso le elezioni

Opinioni

Un diamante fa male?

Opinioni

Il verdetto della strada

Opinioni

Biglietti

mondiali

Una macchina da soldi

Ufficialmente il calcio mondiale è governato da un’associazione senza scopo di lucro. Ma oggi la Fifa è un colosso che fattura miliardi e naviga negli scandali

pubblicità

Economia

La scalata del gigante

Wal-Mart sta invadendo tutta l’America Centrale. Per resistere all’avanzata della catena di supermercati statunitense, le aziende locali puntano sulla diversificazione dell’offerta

Americhe

Corsa al riarmo ma non troppo

Cultura

Cinema, libri, musica, tv

Opinioni

Suicidi in compagnia

In copertina

I fantasmi di Haditha

Il 19 novembre 2005 un gruppo di marines statunitensi ha ucciso 24 civili a sangue freddo. Per quattro mesi i vertici militari hanno chiuso gli occhi e hanno accettato la versione ufficiale. L’inchiesta di Time

pubblicità

Opinioni

Tendenze mondiali

Ritratto

Anthony Pellicano. Il detective delle star

La sua specialità era scavare nel passato delle persone per scoprire i loro punti deboli. Ha lavorato per alcuni degli attori più famosi di Hollywood e il suo arresto fa tremare il mondo del cinema

Viaggi

Mamma si parte

Non aveva mai lasciato il suo paese e non aveva mai preso un aereo. Quando suo figlio ha deciso di portarla a Parigi per un fine settimana, lo ha fatto senza badare a spese

Scienza e tecnologia

La lezione dei topi con la coda chiazzata

Asia e Pacifico

Manovre presidenziali

pubblicità

Europa

L’Europa in un vicolo cieco

Opinioni

Dietro le parole

Hamburger divini

È il miglior ristorante di hamburger della California. Leggi

mondiali

Il calcio africano deve aspettare

Ci vorrà del tempo prima che una nazionale di calcio africana vinca i Mondiali. Il problema non è la mancanza di talenti, ma l’assenza di strutture e i risultati alterni

Scienza

Che cos’è l’amore

Materno, romantico o di coppia. La scienza è impegnata a studiare i vari tipi di amore per capire se hanno un’origine biologica comune

Portfolio

I dannati della Cina

Le foto di Bertrand Meunier

Società

Storie vere, cruciverba, cucina e altro

Il personaggio prende vita

Cominciate a farvi delle domande sui vostri protagonisti. Da dove vengono? Quali sono le loro motivazioni? A questo punto la trama verrà fuori da sola. Leggi

Economia e lavoro

Delocalizzazione al contrario

Opinioni

L’omicidio dimenticato

Opinioni

La parola: compliance

Calipari

Qualche sera fa Raitre ha mandato in onda una bella inchiesta di Report sulla morte di Nicola Calipari, l’agente del Sismi rimasto ucciso nel corso del salvataggio della giornalista Giuliana Sgrena. In tutta la vicenda l’aspetto più sconcertante è l’atteggiamento degli Stati Uniti. Sprezzante, arrogante, perfino infastidito dalle richieste di informazioni avanzate dagli inquirenti italiani. Immaginiamo per un attimo se Calipari fosse stato un agente dei servizi francesi, tedeschi o spagnoli. Il comportamento americano sarebbe stato ben diverso. Ecco un’altra pesante eredità degli anni di Silvio Berlusconi. Sul piano diplomatico l’Italia ha sempre contato poco, ma oggi non conta più niente. Vorremmo che il nuovo ministro degli esteri italiano facesse sentire la sua voce sulle indagini per la morte di Nicola Calipari. E riaffermasse che le regole valgono per tutti, grandi e piccoli. Leggi

Opinioni

Il numero: 0,5 %

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.