Tel aviv

Maysaloun Hamoud racconta una scena di Libere, disobbedienti, innamorate

“In questa scena vediamo Nour nell’appartamento che divide con Layla e Salma”, dice Maysaloun Hamoud, regista di Libere, disobbedienti, innamorate - In between, che racconta la storia di tre donne arabe che vivono insieme a Tel Aviv. “Nour balla in modo liberatorio e Layla si unisce a lei. L’appartamento è una specie di castello delle loro libertà, il luogo dove possono essere ciò che sono”. Leggi

Spari nella città israeliana dove vive l’autore della sparatoria della scorsa settimana a Tel Aviv
Spari nella città israeliana dove vive l’autore della sparatoria della scorsa settimana a Tel Aviv. Testimoni citati dal quotidiano Haaretz hanno sentito degli spari ad Ar’ara, nel nord di Israele. Diversi poliziotti hanno raggiunto la città alla ricerca di Nashat Melhem, l’arabo israeliano di 29 che il 1 gennaio ha aperto il fuoco in un locale del centro di Tel Aviv e ha ucciso due persone.
pubblicità
Cinque persone uccise in Israele e Palestina.
Cinque persone uccise in Israele e Palestina. In un centro commerciale di Tel Aviv due palestinesi armati di coltello hanno assalito un gruppo di passanti, uccidendo due persone e ferendone una terza. Poche ore dopo vicino alla colonia di Gush Etzion, a sud di Betlemme, tre persone sono state uccise e diverse ferite da un uomo che ha sparato da una motocicletta in corsa, prima di essere arrestato.
Contro gli estremismi
Un israeliano accoltellato a Tel Aviv

Un soldato israeliano è stato accoltellato nei pressi di una stazione ferroviaria di Tel Aviv, si sospetta che sia un attacco palestinese. L’uomo è ferito gravemente, ha circa 20 anni, ed è stato ricoverato in ospedale.

La polizia ha detto di aver arrestato un palestinese sospettato dell’attacco, proveniente dalla città di Nablus.

La tensione in Israele è aumentata dopo l’attentato avvenuto il 5 novembre a Gerulsalemme Est. Reuters

L’esercito israeliano su Twitter ha confermato che si tratta di un militare.

pubblicità
Vivere sotto assedio

Una scena spiega tutto: i partecipanti alla “conferenza di pace” organizzata da Ha’aretz a Tel Aviv costretti a lasciare la sala in fretta e furia. Era stato appena annunciato il possibile arrivo di un razzo da Gaza. Leggi

La battaglia di Acri

Al telefono il mio amico rideva in modo così sfrenato da lasciarmi pensare che avesse assunto qualche droga. Leggi

Peperoncino poco piccante

“È piccante? Sei sicuro?”, l’uomo di circa sessant’anni, rosso in volto, che aveva rivolto la domanda con un pesante accento russo, era chiaramente scettico. Leggi

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.