L’esercito israeliano ha lanciato dagli aerei migliaia di volantini su Gaza city il 10 luglio, invitando tutti i residenti a fuggire da una pesante offensiva che ha colpito il centro urbano del territorio palestinese assediato.

I volantini, indirizzati a “tutti gli abitanti di Gaza”, indicavano le vie di fuga designate verso sud e avvertivano che l’area urbana, che in passato ospitava più di mezzo milione di persone, sarebbe diventata “una pericolosa zona di combattimento”.

L’avvertimento è arrivato dopo tre ordini di evacuazione parziale e mentre le truppe israeliane, sostenute da carri armati e aerei, hanno cominciato dei pesanti combattimenti con i miliziani di Hamas e della Jihad islamica.

L’esercito ha dichiarato di aver ucciso dei miliziani di Hamas e di aver trovato delle armi all’interno della sede dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (Unrwa), evacuata da tempo a Gaza.

In altre zone della Striscia in quattro giorni vari attacchi hanno colpito quattro scuole, usate come rifugio dagli sfollati, scatenando l’indignazione internazionale a causa delle numerose vittime civili.

La recrudescenza dei combattimenti e degli ordini di evacuazione è avvenuta mentre in Qatar avrebbero dovuto riprendere i colloqui per una tregua e un accordo per il rilascio degli ostaggi per porre fine alla guerra, giunta ormai al decimo mese.

Una delegazione israeliana guidata dal capo del Mossad David Barnea è arrivata a Doha per i colloqui, ha dichiarato una fonte a conoscenza dei negoziati, parlando in condizione di anonimato a causa della loro delicatezza.

Iscriviti a
Mediorientale
Cosa succede in Medio Oriente. A cura di Francesca Gnetti. Ogni mercoledì.
Iscriviti
Iscriviti a
Mediorientale
Cosa succede in Medio Oriente. A cura di Francesca Gnetti. Ogni mercoledì.
Iscriviti

Anche il direttore della Cia, William Burns, era atteso nella capitale del Qatar, dopo aver avuto colloqui al Cairo il 9 luglio.

Gli ultimi combattimenti a Gaza hanno provocato 350mila sfollati tra i civili, ha dichiarato il capo dell’Unrwa Philippe Lazzarini, che ha parlato prima dell’ultimo lancio di volantini e ha affermato che “non c’è assolutamente nessun luogo sicuro a Gaza”.

Nimr al Jamal, una donna che trasportava i suoi pochi averi tra le rovine bombardate, ha dichiarato martedì all’Afp che “questa è la dodicesima volta” che la sua famiglia è costretta a fuggire. “Quante volte possiamo sopportare questo? Mille volte? Dove andremo a finire?”.

Hamas ha accusato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu di aver intensificato i combattimenti per fare naufragare i negoziati sul cessate il fuoco.

Se sei qui...
…è perché pensi che informarsi su quello che succede nel mondo sia importante. In questo caso potresti prendere in considerazione l’idea di abbonarti a Internazionale. Fino al 24 luglio costa solo 1,18 euro alla settimana, oppure 2,18 euro alla settimana se vuoi ricevere anche il giornale di carta. E in più ogni mattina all’alba ti mandiamo una newsletter con le notizie più importanti del giorno.