Striscia di Gaza

Posti liberi

La generazione di Gezi park, quella dei professionisti giovani e laici, sta lasciando o vorrebbe lasciare la Turchia per sempre. Allora forse ci saranno molti posti liberi per i giovani abitanti della Striscia di Gaza. Leggi

Le vittime che Israele vuole dimenticare

Madre e figlia sono state uccise in un raid israeliano nella città palestinese di Deir al Balah. Ma quasi tutti i mezzi d’informazione israeliani hanno ignorato la notizia. Leggi

pubblicità
Una strana abitudine

Il 7 luglio il mio riposino pomeridiano è stata interrotto da una serie di spari. Mi sono spaventata, pensando a un attacco israeliano e mi sono precipitata a consultare le notizie online. Leggi

L’ingegno di Gaza

I maghi del computer di Hamas sono stati più furbi dell’esercito della nazione start-up e sono riusciti ad adescare i soldati israeliani con finte applicazioni per incontri sentimentali o per gli aggiornamenti sui Mondiali. Leggi

La seconda morte di Razan al Najjar

Razan al Najjar aveva le mani alzate e stava cercando di avvicinarsi a un ferito steso a terra quando è stata colpita da un cecchino israeliano durante le proteste di venerdì 1 giugno nella Striscia di Gaza, al confine con Israele. Leggi

pubblicità
Le minacce degli aquiloni

A cosa servono gli aquiloni che esplodono? Sospetto che rallegrino gli abitanti di Gaza perché mettono in imbarazzo la più grande potenza militare del Medio Oriente, che non sa come fermarli. Leggi

Cubetti di anguria

In una calda serata e dopo una giornata ancora più calda ci sono pochi argomenti di cui si riesce a parlare con gli amici. Leggi

Le mappe della pace

Israeliani e palestinesi hanno ignorato l’importanza delle carte geografiche che accompagnano i loro accordi. Un errore che ha pesato sul fallimento delle trattative. Un articolo dall’archivio di Internazionale. Leggi

A Gaza i cecchini israeliani sparano anche contro i giornalisti

Tra le vittime del 6 aprile ci sono anche Yaser Murtaja e altri reporter. Per la stampa araba è un crimine di guerra. Leggi

La marcia palestinese non finisce con la strage

L’esercito e i politici israeliani non hanno imparato la lezione della storia e considerano i palestinesi delle marionette di Hamas. Leggi

pubblicità
Propaganda

Il 30 marzo nella Striscia di Gaza soldati e cecchini israeliani hanno sparato sulla folla, uccidendo diciassette palestinesi. Grazie a Twitter e WhatsApp, l’esercito ha fatto passare la sua versione dei fatti. Leggi

La nuova strategia dei palestinesi 

Si è aperta una nuova pagina della lotta palestinese. E gli israeliani non hanno potuto credere ai propri occhi. Leggi

Ballare per vivere

Una generazione di palestinesi non è mai uscita dalla Striscia di Gaza. Ma la loro vita va avanti. Leggi

Sanità al collasso

Alle nove di sera di martedì la mia direttrice mi ha comunicato con gentilezza che il mio articolo sul deterioramento del sistema sanitario a Gaza sarà rinviato. Leggi

La storia di un palestinese ucciso due volte

Abu Thuraya non è stato il primo, e non sarà l’ultimo, disabile palestinese ucciso dai soldati dell’esercito israeliano. Ma non importa a nessuno. Leggi

pubblicità
Le verità su Gaza che Israele non vuole vedere

Quando s’imprigionano due milioni di persone in una gabbia per oltre dieci anni, senza possibilità di uscire e senza speranza, il risultato è l’inferno. Leggi

Quattro mani e un orecchio

Con la mano destra sto scrivendo un articolo sulle nuove limitazioni agli spostamenti degli abitanti della Striscia di Gaza. Leggi

Hamas fa un passo verso la riconciliazione palestinese

Ha il controllo della Striscia di Gaza dal 2007, ma sembra aver accettato di farsi da parte e lasciare spazio al governo dell’Autorità palestinese. Leggi

Israele vuole costruire un nuovo e folle muro

Ma anche questo non risolverà nulla. Per affrontare la minaccia proveniente da Gaza bisogna dare a Gaza la sua libertà. Leggi

Uscire da Gaza non è una cosa facile

Un miracolo, doppiamente raro, è accaduto a una mia amica: ha ricevuto un permesso per lasciare la Striscia di Gaza e andare in Europa, e addirittura le è stata concessa la possibilità di partire dall’aeroporto di Tel Aviv. Leggi

pubblicità