Matteo Bordone

Vive a Milano, ha due gatti e tre acquari, si è laureato in storia del cinema con una tesi sulla Rko, scrive di videogiochi, musica, elettrodomestici e cultura popolare, conduce Mu su Radio2 e lavora in tv di tanto in tanto

Matteo Bordone
L’ottavo capitolo di Fast & Furious ricorda un vecchio musical

Le avventure di Dominic Garetto, e famiglia, si rivolgono a un pubblico sempre più largo. E gli incassi lo confermano. Leggi

Le donne dei videogiochi, da Lara Croft ad Aloy

La protagonista dell’avventura Horizon zero dawn è una donna che porta sulle spalle il destino di una società che l’ha esclusa. Da Lara Croft sono passati tanti anni e tante eroine, e finalmente il tema della rappresentazione di genere nei videogiochi ha fatto un grande salto in avanti. Leggi

pubblicità
Moonlight racconta gli afroamericani con lirismo e originalità

Un ragazzo nero dei quartieri poveri può essere omosessuale? Chiron non ha scelta, e Moonlight racconta la sua infanzia, la sua adolescenza e la sua età adulta in un ambiente che nega che lui possa esistere. Leggi

Manchester by the Sea è un dramma sobrio e tristissimo

Dramma personale e intimo interpretato da Casey Affleck nel suo Massachusetts, Manchester by the Sea del cineasta indipendente Kenneth Lonergan è uno dei film favoriti ai prossimi Oscar. La storia di un uomo sconfitto da sé e dal destino cambia quando un’altra tragedia lo costringe a una vita diversa. Leggi

Sta per arrivare Nintendo Switch: è il ritorno della Wii?

La nuova piattaforma di gioco della casa di Kyoto è come al solito diversa dal resto del mercato videoludico, ma forse non abbastanza. Riuscirà Nintendo a replicare il successo della Wii? Leggi

pubblicità
Da Top gear a The grand tour, il programma tv più visto di sempre cambia faccia

Dopo una tumultuosa espulsione dalla Bbc, la squadra di Top gear è stata ingaggiata da Amazon. Il loro nuovo programma di avventura e motori The grand tour è la produzione più colossale di sempre. Ma non funziona più come prima. Leggi

Arrival rinnova un genere, tra grande industria e cinema indipendente

Denis Villeneuve si conferma uno dei registi più interessanti del momento, nell’area che sta tra il cinema d’autore e il cinema industriale. Arrival è un grande film con star come Jeremy Renner ed Amy Adams in stato di grazia, ma il suo tocco personale gli permette di affrontare il tema del dialogo con civiltà aliene in modo originale ed emozionante. Leggi

I migliori videogiochi del 2016

Da Overwatch, Inside, Uncharted 4, Mario run, Pokémon Go e gli altri migliori videogiochi del 2016. Leggi

Un altro me spiega i legami tra maschilismo e violenza sulle donne

Un documentario italiano racconta un progetto di terapia per persone condannate per reati sessuali, affinché scontata la pena non ne commettano altri. Tra discussioni, attività, piccoli passi e rifiuti, i mesi trascorrono e le persone cercano di fare i conti con passato e futuro. Leggi

L’utopia da cartolina di Captain Fantastic

Il film di Matt Ross racconta una famiglia che rifiuta la società contemporanea e vive nella natura, finché una tragedia non costringe il padre e i sei figli a lasciare il nido e spostarsi. Ma l’incontro con la società dei normali non li cambia gran che. Il film è anche gradevole, ma anche molto insipido. Leggi

pubblicità
Snowden di Oliver Stone: spettacolare educazione civica

Il film di Oliver Stone su Edward Snowden è meno gonfio e retorico di quello che ci si potrebbe aspettare dal regista di Jfk. È un film lineare e non così emozionante, ma di un’onestà lodevole. Leggi

Animali notturni dà un nuovo taglio al dramma borghese

Il secondo film di Tom Ford racconta un amore andato male secondo uno schema classico, e lo rivive attraverso una storia nella storia, fatta di violenza, sopraffazione e vendetta. Un cast di bellezze incontestabili rappresenta la crudeltà dell’alta società, la paura del mondo reale, il peso esistenziale di una scelta spietata. Leggi

The exorcist riprende e trasforma un grande classico horror

Prodotta e trasmessa da Fox, la serie riprende il celeberrimo film di Friedkin e arricchisce la ricetta restando dentro i canoni della storia horror di possessione demoniaca. Per i tradizionalisti estremi può essere troppo, ma chi vive l’horror come un genere tradizionale in evoluzione può veramente amarla. Leggi

Ascesa e declino di Elizabeth Holmes, che voleva rivoluzionare la medicina

Il caso Theranos, la startup più giovane, entusiasmante e ricca degli ultimi anni, con tanto di fondatrice guru di cui tutti si innamorano, dimostra che la cultura tecnologica californiana non ha abbastanza anticorpi per difendersi dalle bolle. Leggi

Vincerà Hillary Clinton ma i giornalisti raccontano un’altra storia

Con un esito elettorale previsto da mesi, i mezzi d’informazione statunitensi hanno strattonato i candidati in qualsiasi direzione pur di avere qualcosa da raccontare. Ma in fondo Donald Trump e Hillary Clinton contano meno del circo che li racconta. Leggi

pubblicità
Lo and behold, l’umanità della rete secondo Werner Herzog

Il maestro del documentario umano, Werner Herzog, esplora le frontiere della tecnologia nel loro impatto sulle vite di tutti noi, con la curiosità di un bambino e il gusto per i contrasti di un artista punk. Leggi

Inside è uno dei videogiochi migliori dei nostri tempi

Dopo il successo del poetico Limbo, lo studio danese Playdead è tornato con un’avventura scura e irresistibile che suscita emozioni inedite. Si chiama Inside e ha per protagonista un ragazzino che vuole espugnare il cuore di un mondo andato a male. Leggi

The Beatles: Eight days a week

The Beatles: Eight days a week è il documentario che Ron Howard ha dedicato al gruppo più celebre di tutti i tempi. Un film di montaggio pregevole, con immagini e audio restaurati, capace di raccontare con ritmo esaltante i primi anni di successo planetario. Leggi

La desolazione di Detroit è la cosa migliore di Man in the dark

Dal regista Fede Alvarez un thriller con troppo poco spessore per appassionare lo spettatore smaliziato. Alla fine non si riesce a parteggiare per nessuno e si aspetta che il nascondino sia finito. Leggi

No man’s sky ci fa giocare in un universo sconfinato

Concepito dal geniale Sean Murray insieme a un manipolo di nerd ossessivi, No man’s sky trasforma Ps4 e pc nel delirio di un astrofisico visionario: ecco un universo talmente sconfinato che nessuno potrà nemmeno lontanamente pensare di visitarlo per intero. Leggi

pubblicità