FloodZone. (© 2019 Anastasia Samoylova)

La quiete dopo l’uragano

FloodZone. (© 2019 Anastasia Samoylova)
10 gennaio 2020 15:23

L’ultimo è stato Dorian, tra la fine di agosto e l’inizio di settembre del 2019. La sua forza distruttrice ha toccato il Canada orientale, il sudest degli Stati Uniti e le Bahamas, dove sono morte almeno settanta persone, centinaia risultano ancora scomparse e 70mila sono rimaste senza casa.

In FloodZone Anastasia Samoylova guarda a un territorio, il sud degli Stati Uniti, minacciato dagli uragani e dall’innalzamento dei mari. Il suo stile si allontana da un approccio documentaristico tradizionale e costruisce delle immagini distanti, registrate in momenti successivi alla furia dei venti e delle piogge, in cui il tempo sembra sospeso e resta da chiedersi solo quando arriverà il prossimo uragano. I colori tenui e tropicali servono quest’atmosfera malinconica che si contrappone ai residence di lusso, alle piscine e alle spiagge, in particolare quelle di Miami dove Samoylova, di origine russe, si è trasferita nel 2016.

FloodZone. (© 2019 Anastasia Samoylova)

Era la prima volta che si confrontava con un ambiente tropicale. Ha cominciato questo progetto passeggiando tra le case, i negozi e sulla costa, sotto una luce seducente che illumina tutte le contraddizioni della città. “Vivere a Miami ha un sapore dolceamaro: sembra un paradiso, ma le uniche radici sicure sono quelle delle mangrovie”, scrive la fotografa.

FloodZone. (© 2019 Anastasia Samoylova)

Come nel precedente lavoro LandScape sublime, Samoylova cerca una maniera lirica e personale di trasmettere le sensazioni che nascono dall’osservazione di un paesaggio ricco di contrasti e ferito dal cambiamento climatico. Procede astraendosi dalla pura narrazione del disastro e si concentra sui segni e sulle tracce, per rendere l’idea di uno stato mentale con cui si convive ogni giorno.

Il progetto non si conclude con il sud degli Stati Uniti. Samoylova vorrebbe continuare a raccontare altre comunità colpite da uragani e alluvioni. Intanto nel 2019 FloodZone è diventato un libro, pubblicato da Steidl.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Siamo pronti ad affrontare le nuove epidemie?
Michael Le Page
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.