Toccati le tette, una campagna per prevenire il cancro al seno

24 agosto 2018 13:13

La giornalista Mona Chalabi e la regista Mae Ryan, autrici della serie sulla sessualità femminile Lettere dalla vagina, hanno realizzato un breve video sull’importanza dell’autopalpazione per la diagnosi precoce del cancro al seno. Si tratta di un’abitudine fondamentale: conoscere bene il proprio seno permette di individuare più facilmente eventuali cambiamenti. Eppure molte donne non la praticano, spesso per paura o confusione.


Touch your tits, tocca le tue tette, è il messaggio che il video vuole diffondere. “Gira intorno al capezzolo come se stessi lavando una finestra”, “non dimenticare di fare pressione”, “passa le dita sotto il seno e le ascelle”, sono alcuni dei consigli su come eseguire l’autopalpazione. “Puoi farlo sdraiata, in piedi o sotto la doccia, ma forse è meglio evitare di farlo a lavoro”, ironizza Chalabi.

Vedere delle donne che toccano il proprio corpo davanti a una telecamera non è piaciuto a tutti. “Molti sui social hanno commentato: ‘È disgustoso, come vi permettete di mettere una cosa del genere online?’”, racconta Ryan in un’intervista pubblicata su Vogue. “Queste reazioni, ovviamente, rendono questo video ancora più importante perché questa è la mentalità prevalente nella società”, aggiunge la regista.

Nella stessa intervista Chalabi racconta che l’idea di realizzare il video è nata dopo l’incontro che le due ragazze hanno tenuto al festival di Internazionale a Ferrara. “Una donna che è medico si è avvicinata e mi ha detto: ‘Ho avuto il cancro al seno, per favore fate qualcosa su questo argomento’”. La donna ha consigliato a Chalabi di eseguire l’autopalpazione il prima possibile ed è così che la giornalista ha trovato tre noduli (fortunatamente benigni) che non erano ben visibili con la mammografia a causa della densità del suo seno.

Il cancro al seno è il tumore più frequente tra le donne e spesso il primo sintomo riconoscibile è proprio un nodulo o un’area ispessita nella mammella. Tuttavia circa il 90 per cento dei noduli non sono forme tumorali. “Anche se è stato spaventoso, ora so che un nodulo non è necessariamente maligno e che se dovessi avere il cancro al seno le possibilità di sopravvivenza sono molto alte, specialmente se riesco a trovare il nodulo molto presto”, conclude la giornalista.

L’intervista a Mona Chalabi e Mae Ryan al festival di Internazionale a Ferrara.


Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Sicurezza a tutti i costi
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.