Sharon Gat, il fondatore dell'accademia Caliber 3. (Giuliano Camarda, Transterra Media)

A scuola di guerra

16 gennaio 2014 15:03

L’accademia Caliber 3 a Gush Etzyon, un insediamento israeliano in Cisgiordania, è un centro di formazione per professionisti e dilettanti che vogliono addestrarsi in tecniche di antiterrorismo.

Fondata nel 2002 dal colonnello israeliano Sharon Gat, comprende tre poligoni di tiro, un centro di addestramento tattico e una palestra di krav maga, un sistema di autodifesa sviluppato per le forze armate di Israele e Ungheria che è una combinazione di tecniche provenienti da box, judo , jiu-jitsu e wrestling.

Nei poligoni di tiro i bersagli sono foto che rappresentano degli uomini arabi con indosso la keffiyah. Ma Gat ci tiene a sottolineare che l’addestramento è finalizzato solo alla difesa: “Anche se gli obiettivi sono arabi, e gli arabi non amano gli ebrei, noi non spariamo a persone che non stanno preparando un’azione terroristica”.

I clienti di Caliber 3 sono cittadini israeliani o turisti, adulti o bambini. “Sono soprattutto ebrei statunitensi e russi che hanno parenti o amici nelle colonie”, spiega Gat. “Vogliono capire cosa significa vivere in un clima di guerra in cui ci si deve perennemente difendere dai palestinesi”.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.