13 marzo 2015 13:55

Nella notte tra il 12 e il 13 febbraio 2015 un commando del gruppo terrorista Boko haram partito da Baga, in Nigeria, ha attaccato il villaggio di N’Gouboua, in Ciad, dove si trovano almeno settemila profughi nigeriani.

Gran parte del villaggio, che si trova a 18 chilometri dal confine con la Nigeria, è stata data alle fiamme. I profughi erano fuggiti da Baga a gennaio, in seguito alle violenze dei jihadisti, e a bordo di canoe e zattere avevano trovato rifugio nelle decine di piccole isole che si trovano sul lago Ciad. Complessivamente, circa 13mila nigeriani sono arrivati in Ciad occidentale dall’inizio di gennaio, quando sono cominciati gli attacchi di Boko haram contro Baga.

Dal maggio del 2013, quando è stato dichiarato lo stato di emergenza negli stati di Adamawa, Borno e Yobe, nel nordest della Nigeria, si stima che 153mila persone siano fuggite nei paesi confinanti.

Le foto sono state scattate tra il 4 e il 9 marzo 2015.

(Le Monde)